QR code per la pagina originale

Apple Arcade: giochi anche su Xbox, PS e Switch

I giochi di Apple Arcade appariranno anche su PlayStation, Xbox e Nintendo Switch, dopo un periodo in esclusiva sulla piattaforma targata mela morsicata.

,

I giochi di Apple Arcade, la piattaforma di gaming in abbonamento mensile presentata da Apple pochi giorni fa, non saranno un’esclusiva perenne di Cupertino. Secondo quanto riferito da alcune fonti al Financial Time, la società californiana sarebbe intenzionata a permetterne lo sbarco anche su altre piattaforme, dopo qualche settimana dalla release iniziale. Fra i sistemi citati, anche Xbox, PlayStation e Nintendo Switch.

Come già noto, Apple Arcade è la piattaforma targata mela morsicata – e in arrivo il prossimo autunno – pensata per fornire ai giocatori dei titoli curati in ogni minimo dettaglio, il tutto tramite la sottoscrizione di un abbonamento mensile. Sebbene le tariffe non siano note, pare che gli utenti potranno accedere a 100 giochi esclusivi, pronti ad aumentare di mese in mese.

Secondo quanto riferito dalle fonti statunitensi, però, questi titoli non saranno un’esclusiva perpetua per Apple. Il gruppo californiano avrebbe infatti preso accordi con gli sviluppatori per permettere, dopo qualche settimana dall’apparizione su Apple Arcade, di distribuire il software anche su piattaforme come PlayStation, Xbox e Nintendo Switch. Non sarà ammessa, però, la creazione di applicazioni per Android né la distribuzione su altri servizi in abbonamento oppure in streaming. A oggi, le società partecipanti sono diverse e includono sia grandi dell’intrattenimento videoludico che software house indipendenti: Disney, Sega, Lego, Cartoon Network, Konami, Snowman, Annapurna Interactive, WayForward, Klei Entertainment e molti altri ancora.

Così come già anticipato, il servizio verrà lanciato in autunno in 150 nazioni e vedrà il supporto a iPhone, iPad, iPod Touch, Mac e Apple TV. I titoli compresi del proprio abbonamento Apple Arcade saranno mostrati in un’apposita finestra di App Store, affinché non vengano confusi con il classico software normalmente distribuito sul negozio virtuale di Cupertino. Il servizio, così come già annunciato, sarà disponibile anche in Italia già a partire dall’autunno.

Fonte: MacRumors • Immagine: Apple