Yongnuo YN 35mm f/1.4C DF UWM (ultrasonic): nuovo fisso luminoso per reflex Canon

Il produttore di Shenzhen ha annunciato nelle ultime ore l’YN 35mm f/1.4C DF UWM ultrasonic che, come recita il nome, presenta la messa a fuoco automatica con motore ultrasonico.L’ottica è dedicata alle DSLR Canon full frame ed APSC e si presenta con un’estetica che richiama sotto alcuni aspetti proprio la versione serie L: spicca, ad

Parliamo di

Il produttore di Shenzhen ha annunciato nelle ultime ore l’YN 35mm f/1.4C DF UWM ultrasonic che, come recita il nome, presenta la messa a fuoco automatica con motore ultrasonico.

L’ottica è dedicata alle DSLR Canon full frame ed APSC e si presenta con un’estetica che richiama sotto alcuni aspetti proprio la versione serie L: spicca, ad esempio, la linea rossa che percorre la circonferenza della ghiera di messa a fuoco. Quest’ultima è elettronica, non meccanica, dunque funzionante solo a macchina accesa; sul barilotto, in prossimità della baionetta in metallo, troviamo lo switch per passare da AF ed MF e la scala della distanza (quella minima è di 35cm).

Otticamente troviamo 11 elementi in 9 gruppi, 2 elementi sono asferici, altrettanti possono essere classificati come ad “Abnormal Dispersion“, caratterizzati dall’efficienza nella trasmissione dello spettro secondario. La trasmissione della luce è infine favorita dal trattamento multistrato che migliora le prestazioni in controluce, riduce effetto fantasma e glare. Il diaframma, dal canto suo, ha 7 lamelle, riesce a chiudere fino ad f/22 ed è gestito elettronicamente dalla macchina, come anche la messa a fuoco, grazie ai contatti ricoperti in oro presenti sull’innesto che, come già detto, è metallico. Peso e dimensioni sono in linea con altre ottiche di questo tipo presenti sul mercato: 82x111mm le misure, 700 grammi e 67mm per quanto concerne la filettatura filtri. Questo ci suggerisce che il target del nuovo 35mm sia probabilmente medio alto: anche i samples mostrano una buona resa, gradevole nel bokeh e gestibile in controluce. L’obiettivo sarà disponibile nei prossimi mesi.

Ti potrebbe interessare
Caso FAPAV: il P2P, le diffide e la legge
Business

Caso FAPAV: il P2P, le diffide e la legge

La sentenza pubblicata a conclusione del caso Fapav vs Telecom Italia chiude ogni porta all’accusa: la procedura di diffida a Telecom Italia non costringe il provider ad alcuna collaborazione. In futuro si dovrà passare tramite l’autorità giudiziaria