QR code per la pagina originale

tvOS 13 disponibile: le novità più interessanti

Apple ha lanciato ieri, oltre all'aggiornamento a iOS 13 e iPadOS, anche il nuovo tvOS 13: ecco tutte le novità di questa release per il set-top-box.

,

Non solo iPadOS e iOS 13, ieri Apple ha rilasciato anche l’aggiornamento a tvOS 13, il sistema operativo dedicato alla sua Apple TV. Una release forse giusta a sorpresa, considerando come solo la scorsa settimana si era parlato di una pubblicazione a fine mese successiva a iPadOS, pronta a predisporre il set-top-box per tutte le novità che l’azienda ha in programma per l’autunno. A partire da Apple TV+, l’atteso servizio di streaming da 4.99 euro al mese.

L’aggiornamento a tvOS 13 è solitamente automatico, poiché la funzione di upgrade autonomo è solitamente attiva di default su Apple TV. In ogni caso, chi volesse procedere manualmente può recarsi alla voce “Aggiornamento Software” del menu “Sistema”, seguendo le comode indicazioni fornite a schermo.

Sono diverse le novità incluse in tvOS 13, tra cui una nuova Home Screen per trovare con più facilità i contenuti da vedere, con preview a schermo intero e molto altro ancora. Viene inoltre introdotta la possibilità di configurare profili multi-utente, affinché ogni membro della famiglia possa approfittare di una visione personalizzata, di consigli di show basati sulle sua abitudini, approfittare di proprie playlist su Apple Music e molto altro ancora. Per passare da un profilo all’altro è sufficiente entrare nel Centro di Controllo.

Tra le novità più attese, l’apparizione di Apple Arcade – il servizio di gaming in abbonamento di Apple – sul set-top-box, quindi il supporto ai controller Bluetooth di Xbox One e di PlayStation 4. Naturalmente, Apple TV inizia a essere predisposta per l’imminente lancio di Apple TV+, in arrivo a novembre, il servizio di streaming video del gruppo di Cupertino.

Molte funzioni, infine, sono ereditate da iOS e iPadOS, come il comodo “Sign In with Apple” che permette di mantenere sicuri e privi di rischi per la privacy i propri accessi a servizi di terze parti. Ancora, è stato esteso anche ad Apple TV il supporto alla visione Picture-in-Picture (PiP).