FIFA: EArts e FIFPRO rinnovano partnership licenze calciatori

L’accordo consente a EA SPORTS di poter continuare a utilizzare migliaia di nomi e sembianze dei giocatori reali nella serie FIFA.

Importante accordo per Electronics Arts Inc. L’azienda canadese, famosa tra gli altri per lo sviluppo della serie calcistica di videogiochi FIFA ha stipulato un nuovo contratto con FIFPRO, il rappresentante globale dei calciatori professionisti. Le due aziende hanno infatti annunciato un’estensione della loro precedente partnership per un rinnovato impegno a lungo termine che in particolare supporta il continuo investimento di EA SPORTS nel futuro del calcio, e consente al publisher di offrire la più grande e autentica esperienza calcistica a più di 150 milioni di giocatori a livello globale.

FIFA, questione di esclusive

Negli ultimi 28 anni EA SPORTS si è sforzata di ricostruire il più possibile in un videogame la migliore esperienza possibile per la comunità calcistica di tutto il mondo. La forza collettiva del franchise calcistico di FIFA è stata alimentata da oltre 300 partner con licenza, tra cui FIFPRO, che contribuiscono a generare l’autenticità ineguagliabile del gioco, sia ora che in futuro. Oltre alle migliaia di nomi e sembianze dei giocatori che sono supportati dall’accordo di licenza FIFPRO, le esperienze calcistiche di EA SPORTS sono le uniche dove i fan possono giocare nelle iconiche UEFA Champions League, CONMEBOL Libertadores, Premier League, Bundesliga e LaLiga Santander.

Siamo entusiasti di proseguire la partnership a lungo termine con EA SPORTS, un vero partner che si impegna a creare la migliore esperienza interattiva per gli appassionati di calcio di tutto il mondo”, ha affermato Theo van Seggelen, Amministratore Delegato di FIFPRO Holding.

Per i fan italiani la speranza ora è che, dopo questo rinnovo e l’accordo recente con la nostra Serie A, nella saga di FIFA tornino presto disponibili le licenze ufficiali di quelle squadre italiane che le hanno cedute in esclusiva a Konami per un certo lasso di tempo, come per esempio la Juventus e l’Atalanta, ma anche che venga dedicato un trattamento analogo a quello della seppur più appetibile Premier League al nostro torneo in termini di scan dei volti dei calciatori, della grafica delle partite e così via.

Ti potrebbe interessare