QR code per la pagina originale

Dante’s Inferno – Libello dei gironi infernali

Tutta la dura discesa negli inferi spiegata passo-passo

,

Cittadella di Acri

Colpite i vari nemici sullo schermo fino a quando non sopraggiungerà una nave in fiamme, che si schianterà proprio di fronte a voi. Saltate sul ponte della nave ed usatelo per raggiungere l’appiglio sulla sinistra. Proseguite e girate l’angolo fino alla cutscene, al termine della quale dovrete affrontare la Morte. Lo scontro sarà molto semplice: parate i suoi attacchi poi attaccatela fin quando non soccomberà sotto i vostri colpi.

Firenze

Uccidete tutti gli scheletri nel cimitero poi proseguite verso Nord. Giunti nei pressi di una chiesa usate la statua di Beatrice per salvare il gioco, poi sfondate il portone della costruzione e dirigetevi in fondo verso l’altare. Terminato l’intermezzo usate i vostri nuovi poteri per sconfiggere i nemici fin quando la croce di legno non crollerà consentendovi di proseguire oltre. Saltate fino ad arrivare al globo giallo che vi consentirà di scendere giù. Sconfiggete tutti gli scheletri in fretta per poter proseguire oltre il cancello in fondo al corridoio, evitando di essere schiacciati dalla pesante ruota che rotola dietro di voi. Lasciatevi cadere di sotto: una grossa croce infuocata vi sbarrerà il passaggio. Per superarla dovrete uccidere i nemici da essa generata, degli scheletri di fuoco. Attaccateli prima con la croce e poi finiteli con la vostra falce.

Avanzate uccidendo altri nemici e guadagnando preziose anime, girate l’angolo e salvate il gioco. Scendete di sotto e parlate con Virgilio per ricevere il vostro primo Incantamento, Cammino di Virtù. Sconfiggete i nemici alati ed i servitori dell’Inferno, ben presto una grossa Bestia farà la sua comparsa in scena. Continuate a colpirla fino a quando non vi sarà possibile saltargli in groppa e prenderne il controllo. Divertitevi a distruggere i nemici rimanenti, poi aprite il grosso portone di fronte a voi.

Nel Cieco Mondo

Dopo aver salvato il gioco, usate il muro dei dannati come appiglio e proseguite per raggiungere nuovamente Virgilio. Parlate con lui due volte per ricevere la vostra prima reliquia, la Lama della Morte. Poco più avanti sulla destra, c’è un’alcova che nasconde la prima delle 30 Monete di Giuda disseminate per tutto l’inferno. Avanzate lungo la via obbligata fino a giungere alla Riviera D’Acheronte. Attivate la leva sulla destra e correte velocemente sul ponte levatoio, prima che si richiuda. Posizionatevi di fronte al globo giallo e scendete di sotto, dove affronterete due nemici un po’ più grossi del solito. Una volta sconfitti, usate la leva al centro dello schermo per salire con la piattaforma mobile fino al portone rilucente. Distruggetelo e parlate nuovamente con il vostro amico poeta quindi avanzate. Affrontati i nemici sul ponte: giungerete di fronte a Ponzio Pilato, tormentato dalle conseguenze delle sue azioni mentre era in vita. Spetterà a voi decidere se condannarlo o assolverlo.

Aprite il portone di fronte a voi per assistere ad una nuova cutscene, poi sistemate i nemici che vi si pareranno davanti. Continuate e proseguite oltre per trovare un nuovo punto di salvataggio. Appendetevi sulla fune e avanzate di poco per far partire un nuovo intermezzo. Scalate la parete con i dannati e noterete sulla destra un oggetto luminoso. Dirigetevi in questa nicchia per recuperare la seconda reliquia del gioco, il Remo di Caronte. Tornate indietro e salite sull’apertura che si trova poco prima rispetto a dove vi trovate adesso.

In questa stanza troverete oltre al classico oggetto da spostare anche una Moneta di Giuda. Muovete l’oggetto in una delle nicchie ai lati della stanza, poi usate la leva al centro della stanza per spostare in avanti la piattaforma mobile e far in modo che il pesante oggetto possa esservi posizionato sopra. Usate nuovamente la leva e spostate la piattaforma verso il muro quindi saltate sul box per raggiungere l’apertura in alto dove incontrete Orfeo. Dopo aver deciso la sua sorte, usate i dannati per salire sulla barca e sconfiggere tutti i nemici fino a quando sarà possibile interagire con la testa di Caronte stesso. Scalate la struttura pericolante grazie alla Bestia e una volta giunti in cima correte verso il ponte che sta per crollare. A metà strada la struttura collasserà e dovrete premere con il giusto tempismo il tasto indicato sullo schermo, pena la morte.

Nel Limbo

Avanzate e parlate con Virgilio, quindi proseguite verso la fine del muro e scendete di sotto grazie ai dannati; lasciatevi cadere verso sinistra. Afferrate uno schiavo carbonizzato e lanciatelo contro il portone di fronte a voi per liberarvi il passaggio. Proseguite lungo il corridoio e, quando vedrete la testa di Caronte, girate a sinistra. In questa piccola stanza troverete una Moneta di Giuda, tornate poi indietro ed avanzate, distruggete la fontana per recuperare la prima pietra di Beatrice. Colpite anche la statua accanto per recuperare la seconda reliquia, gli Occhi di Santa Lucia. Tornate indietro, poco prima della testa di Caronte e questa volta girate a destra, aprendo la porta.

Una volta entrati nella nuova stanza dovrete affrontate tutti i nemici; uscite quindi dalla porta che si aprirà terminato il combattimento. Parlate con Virgilio fino a quando non scomparirà; guadagnerete una nuova reliquia, la Benedizione del Signore. Aprite la porta che si trova sulla sinistra, immediatamente dopo il vostro amico. Evitate le lame rotanti e proseguite oltre per raggiungerete Elettra. Deciso il suo destino, tornate indietro e proseguite fino alla fine del corridoio; aprite quindi la porta e continuate a muovervi lungo il balcone: verso la fine di esso verrete affrontati da alcuni nemici. Sistemati i demoni uscite dalla porta sulla destra; nella nuova stanza incontrerete nuovamente Virgilio. Dopo averlo ascoltato, distruggete le statue per guadagnare qualche anima extra, poi salite sul piedistallo e salvate il gioco. Muovetevi sulla sinistra e, dopo la fontana, eseguite un doppio salto per giungere in una nicchia con una leva. Tiratela e la statua di Saladino si abbasserà, rivelando un buco. Entrateci dentro e recupererete una nuova reliquia, la Pietà di Saladino. Risalite e questa volta usate la leva (quella con il globo giallo) al centro dello scenario, poi usate il rampino per superare il baratro di fronte a voi ed affrontare il boss, Re Minosse.

Muovetevi molto velocemente per evitare il primo degli attacchi di Minosse, dei tentacoli che compariranno dal pavimento. Terminato questo attacco premete il tasto indicato sullo schermo (in genere quello del rampino, RB su Xbox 360 R1 su PS3) per appendervi al muro ed evitare il suo attacco successivo. Adesso sarà vulnerabile: attaccate prima la sua testa poi la parte bassa del suo corpo, quella in rosa. Accusato il colpo Minosse vi manderà contro degli scagnozzi: sistemateli poi correte scansando i tentacoli dal pavimento. Questa volta il potente nemico cercherà di colpirvi con dei possenti pugni: evitateli e poi premete il tasto indicato a schermo per salire sulla sua mano. Premete i tasti che vi verranno mostrati in sequenza, quindi colpitelo nel suo punto debole sullo stomaco, come prima. Minosse evocherà altri nemici che non avrete difficoltà a distruggere: quando, finalmente, abbasserà la sua faccia a terra, attaccatelo senza pietà e premete i tasti che vi verranno mostrati sullo schermo per sconfiggerlo. Acquisita la Coda di Minosse avanzate e percorrete la discesa con gli impalati ai lati. Ripristinate la vostra energia grazie alla fontana e salvate prima di proseguire.

Scendete grazie alla liana e cominciate ad oscillare per raggiungere la corda successiva. Salite in cima ed entrate nella nicchia: troverete una Moneta di Giuda. Noterete sulla destra due pilastri fatti di corpi: oscillate con la liana e cercate di raggiungerli. Nell’alcova in cima potrete recuperare una nuova reliquia, il Libro di Francesca. Proseguite fino a raggiungere una grossa struttura in pietra che dovrete distruggere mentre siete sulla liana, con un colpo della vostra falce. Prestate attenzione ai nemici alati. Continuate a saltare grazie alle liane ed in breve giungerete nella nuova area, grazie al solito pilastro fatto di corpi dei dannati. Incontrerete Francesca da Polenta di cui dovrete decidere il fato.