QR code per la pagina originale

Darksiders – Libro dell’Apocalisse

Tutte le informazioni per aiutare Guerra a farsi giustizia durante l'Apocalisse!

,

Gli inizi

Avanzate ed attaccate i primi nemici di fronte a voi. Assunta la Forma Demoniaca combattete contro l’imponente gigante di fronte a voi. Avanzate e girate l’angolo sulla destra fino a che non verrete attaccati dagli angeli. Terminata la breve cutscene proseguite lungo lo scenario devastato, poi seguite il mostro evitando le meteore che pioveranno dal cielo. Giunti all’incrocio, uccidete tutti i nemici per far comparire la vegetazione infernale (da ora in poi semplicemente vegetazione) che potrà essere scalata in modo da proseguire ostacoli altrimenti insormontabili. Salite sul tetto del palazzo ed usate i tubi per superare il baratro, poi grazie alla vegetazione scalate l’edificio di fronte a voi.

Proseguite attraverso la breccia nel muro ed uccidete tutti i nemici per distruggere i sigilli demoniaci che bloccano lo stanza, calatevi quindi dalla tromba dell’ascensore e seguite il percorso obbligato passando attraverso il buco nel muro. Appendetevi al cavo metallico e lasciatevi cadere fino a giungere nuovamente in strada. Arrivati all’incrocio, usate le autovetture come armi contro il gruppetto di angeli lì presente. Continuate lungo la strada fino ad assistere alla cutscene, al termine della quale dovrete affrontare il Distruttore. Aspettate che il boss vi scagli contro delle automobili ed usatele contro di lui, lanciandogliele contro. Non appena il mostro chinerà il capo portandosi a tiro avvicinatevi e colpitelo. Ripetete l’operazione altre due volte, poi dovrete premere un tasto che farà partire una cutscene determinando la fine dello scontro.

Arrivati al cospetto dell’Arso Consiglio, dirigetevi verso destra per riappropriarvi della vostra spada, Divoracaos, e guadagnare il vostro primo potere. Proseguite verso sinistra per lasciare questo posto.

Hotel Seraphim

Scalate la parete con la vegetazione e proseguite lungo il percorso obbligato, alla ricerca del demone Vulgrim. Superata la strada interrotta grazie al doppio salto, continuate e saltate sulla parete di fronte a voi appendendovi ad una struttura metallica che vi consentirà di superare il burrone, altrimenti insormontabile. Uccidete gli zombi, poi voltate l’angolo a destra ed appendetevi al tubo per passare oltre. Dopo aver affrontato un gruppetto di zombi, aprite le porte dell’ascensore e salite al livello superiore.

Salite gli scalini e spostate il grosso oggetto davanti a voi, in modo da usarlo per raggiungere la piattaforma successiva. Aggrappatevi al tubo per arrivare dall’altra parte, poi entrate dentro l’ascensore ed usate la vegetazione per salire un altro piano. Nella stanza successiva ripulite la zona dai nemici per sciogliere il sigillo demoniaco. Salite quindi la rampa di scale fino a giungere alla fine del livello.

Le Intersezioni

Dopo la conversazione con Vulgrim, dovrete raccogliere per lui 500 anime. Controllate la vostra mappa per notare vari forzieri, dirigetevi verso di essi ed apriteli. Quando avrete raccolto abbastanza anime per soddisfare il demone tornate da lui: vi donerà il corno Evocatore della Terra. Utilizzatelo per aprire il cancello di pietra di fronte a voi ed entrare nel palazzo. Salite la rampa di scale alla vostra sinistra e lasciatevi cadere per affrontare dei nemici; lasciate poi questa stanza attraverso l’uscita che si trova a Nord. Proseguite lungo il corridoio aprendo due portoni, per giungere alla zona successiva.

Forca Ardente

Dirigetevi verso Nord fino ad incontrare il Generale Fantasma. Per sconfiggerlo, prima attaccate i suoi seguaci poi concentratevi su di lui ed in breve perirà. Seguite la Sentinella e spostate le due gargolle in modo da ripristinare l’afflusso del sangue che sbloccherà il sigillo di Samael. Dopo la discussione con il demone guadagnerete il Volo dell’Oscurità.

Usate il Volo dell’Oscurità sulle correnti ascensionali e proseguite verso l’area successiva. Usate la vegetazione per superare la lava ed avanzate; grazie al Volo dell’Oscurità lasciatevi alle spalle questa zona.

Le Terre Soffocanti

Dirigetevi verso sinistra, fino all’obiettivo in giallo sulla vostra mappa. Il vostro compito primario è trovare Tiamat e portare il suo cuore ancora pulsante a Samael. Per il momento, giunti al cancello usate il vostro corno e parlate con il gigante di pietra. Per garantirvi il passaggio dovrete distruggere le quattro Arene delle Ombre comparse sulla mappa. Portato a termine questo compito tornate nuovamente al cancello ed usate il corno; come ricompensa sbloccherete il potenziamento Devastatore e l’abilità Contrattacco.

Aprite il portone ed avanzate lungo il grosso canale, quindi usate il Volo dell’Oscurità per superare il baratro, sfruttando la doppia corrente ascensionale. Nella stanza successiva distruggete tutti i nemici per sciogliere il sigillo demoniaco e poter proseguire oltre.

La Scala Interrotta

Correte lungo la strada e all’incrocio girate a destra, scendete poi gli scalini e attraversate il piccolo dungeon fino alla fine. Tuffatevi in acqua per riemergere poco dopo: qui troverete un frammento di Pietra della Vita. Tornate indietro e prima di risalire le scale e girate sulla destra per scoprire un’area di Vulgrim, un utile negozio che vi permetterà di potenziare Guerra. Uscite e dirigetevi verso il palazzo che si trova alla vostra destra, quindi salite le scale. Saltate dal buco nel muro e sfruttate le correnti ascensionali per arrivare dall’altra parte del ponte sospeso. Proseguite fino a metà del ponte dove affronterete un mini boss, poi sfruttando la corrente entrate dentro il palazzo sventrato.

Scendete le scale sulla destra fino a giungere al piano terra, dove verrete affrontati da quattro demoni blu. Aprite il forziere per trovare la Chiave dell’Osservatore, che servirà a sbloccare la porta con il sigillo blu vista al piano superiore. Risalite le scale e sbloccate la porta con la vostra nuova chiave, quindi avanzate per far partire una cutscene al termine della quale sarete sulla Bestia Angelica: affronterete una sezione sparatutto.