Amazon, più vendite e meno profitti

Davide Falanga,

Il terzo trimestre del 2011 sorride ad Amazon, seppur solo a metà: il colosso delle vendite ha infatti annunciato i dati relativi ai ricavi negli ultimi tre mesi, con cifre in attivo che tuttavia non rispecchiano le previsioni precedenti. Amazon ha infatti incassato circa 10,8 miliardi di dollari, che rispecchiano l’aumento del 44% nelle vendite, ma allo stesso tempo gli utili crollano del 73% rispetto allo scorso anno.

I profitti della società ammontano in questo trimestre a 63 milioni di dollari, ovvero 0,14 dollari per azione, che raffrontati con i 231 milioni del 2010 mettono bene in luce l’andamento finanziario del gruppo. Forte la delusione sia all’interno che all’esterno dell’azienda, il cui titolo nel mercato azionario statunitense ha reagito negativamente alla notizia con un calo del 15%.

A spingere verso l’alto le vendite sarebbero stati gli elevati ordini e pre-ordini relativi ai nuovi dispositivi che il gruppo intende lanciare a breve oppure ha già lanciato nelle scorse settimane, quali le ultime versioni dell’e-reader Kindle ed il tablet Fire. L’aumento del numero di prodotti venduti, però, non riesce a bilanciare le spese che il gruppo deve affrontare in ricerca, sviluppo e marketing per differenziare la propria attività, provocando così un importante segno meno che andrà rivalutato sulla base dei risultati delle prossime trimestrali.