QR code per la pagina originale

Apple iPad (2018): formula vincente non si cambia, si migliora

L'edizione 2018 dell'iPad da 9,7 pollici introduce un nuovo processore e il supporto ad Apple Pencil per scrivere e disegnare sul display del tablet.

Prezzo

€ 359

Giudizi
  • Caratteristiche8,5
  • Design7,5
  • Prestazioni8,5
  • Qualità prezzo8
Pro

Supporto nativo al pennino, processore evoluto, prezzo inferiore rispetto al modello precedente, tutto ciò che offre l'ecosistema iOS.

Contro

Speaker e fotocamera mediocri.

Di , 1 maggio 2018

Il nuovo iPad da 9,7 pollici mantiene quanto di buono già visto con il predecessore, aggiungendo il supporto nativo ad Apple Pencil. Il tablet diventa dunque uno strumento ancora più versatile, sia per lo studio sia per l’intrattenimento e la produttività, grazie alle ultime novità introdotte dal sistema operativo iOS e al ricco catalogo software offerto dalla piattaforma App Store.

Design ()

Il design dell’iPad in versione 2018 rimane invariato rispetto a quanto visto nella generazione precedente del dispositivo. Ci sono il lettore di impronte Touch ID posizionato a fianco dello schermo (o sotto, a seconda di come lo si impugna) da sfruttare per i pagamenti con Apple Pay e che svolge la funzione di pulsante Home, gli altoparlanti stereo integrati, il jack da 3,5 mm per cuffie e auricolari, tasti fisici per la regolazione del volume e accensione o spegnimento. Nella versione con modulo Cellular per la connettività mobile trova posto anche lo slot che ospita la SIM. La parte frontale è quasi interamente occupata dal display da 9,7 pollici con pannello IPS a retroilluminazione LED (risoluzione 2048×1536 pixel, 264 ppi) ricoperto da un rivestimento oleorepellente.

Tra le colorazioni disponibili per la scocca: argento, grigio siderale e oro, con quest’ultima molto simile alla tinta oro rosa già vista su alcuni prodotti della mela morsicata. Le dimensioni sono pari a 240×169,5×7,5 mm, mentre il peso si attesta a 469 o 478 grammi a seconda della versione.

Il design di iPad (9,7 pollici)

Il design di iPad (9,7 pollici)

Scheda tecnica ()

Il cuore pulsante del tablet è costituito dal processore A10 Fusion con architettura 64-bit e coprocessore M10 integrato, lo stesso di iPhone 7. Il quantitativo di RAM installata è pari a 2 GB. Insieme queste componenti garantiscono una potenza di calcolo più che sufficiente per gestire con disinvoltura anche le applicazioni più complesse, pur senza eguagliare ovviamente le performance di iPad Pro.

Scorrendo la lista delle specifiche si trovano poi una fotocamera posteriore da 8 megapixel con autofocus e registrazione video in formato 1080p, mentre quella frontale FaceTime da 1,2 megapixel arriva a 720p. Tutti i modelli offrono il modulo WiFi 802.11a/b/g/n/ac con supporto alla tecnologia MIMO, mentre in quelli Cellular si aggiungono la connettività ai network mobile e il GPS. Completano la scheda tecnica Bluetooth 4.2, bussola digitale, microlocaliz­zatore iBeacon, giroscopio a tre assi, accelerometro, barometro e sensore di luce ambientale. La batteria da 32,4 Wh assicura un’autonomia che arriva a dieci ore di navigazione WiFi, riproduzione video o audio, mentre utilizzando la rete mobile si scende a nove ore.

Apple Pencil ()

Non un semplice pennino: Apple Pencil è uno strumento progettato dal gruppo californiano per interagire in modo naturale e intuitivo con il display di iPad e iPad Pro. Un tool che torna utile sia durante lo studio sia per il lavoro, senza dimenticare l’utilizzo che se ne può fare per dare libero sfogo alla propria creatività. È possibile scrivere appunti a mano libera, sottolineare o evidenziare i passaggi più importanti di un testo, modificare uno screenshot, disegnare un grafico, colorare un’immagine e molto altro ancora, modificando in modo dinamico l’intensità del tratto facendo più o meno pressione con la punta sullo schermo.

Funziona dunque in modo del tutto simile a una matita o, all’occorrenza, come una biro, un pennello o un tool per il disegno tecnico. Al suo interno si trova una batteria con una capacità sufficiente per garantire fino a dodici ore di utilizzo continuato: per ricaricarla è sufficiente togliere il tappo e collegarla alla porta Lightning del tablet. Assicurato inoltre il supporto ad alcuni accessori di terze parti, tra i quali spicca il pennino Logitech Crayon.

Apple Pencil

Apple Pencil

Software ()

L’edizione 2018 dell’iPad fa il suo debutto con la versione più recente del sistema operativo iOS (la release 11.3). Gli utenti possono fare affidamento sulla piattaforma App Store per il download di giochi e applicazioni di ogni tipo, comprese quelle dedicate alla realtà aumentata basate sulla tecnologia ARKit. Tra quelle preinstallate figurano il pacchetto iWork per la produttività (Pages, Numbers e Keynote) e GarageBand per i musicisti. Non manca inoltre la possibilità di affiancare le schermate di più software eseguiti in contemporanea, così da utilizzarli in modalità multitasking. Tutto questo senza dimenticare l’assistente virtuale Siri per ottenere informazioni o impartire comandi utilizzando la propria voce.

Prezzo e disponibilità ()

Come già detto, il nuovo iPad è disponibile con diversi tagli di memoria interna per lo storage e con la possibilità di scegliere tra la versione con sola connettività WiFi e quella dotata di uno slot SIM per l’accesso a Internet in mobilità. Per quanto riguarda il prezzo, al lancio si parte da 359,00 euro per la configurazione base, arrivando a 579,00 euro per quella più completa. Di seguito tutte le varianti disponibili.

  • 32 GB, WiFi: 359,00 euro;
  • 32 GB, WiFi+Cellular: 489,00 euro;
  • 128 GB, WiFi: 449,00 euro;
  • 128 GB, WiFi+Cellular: 579,00 euro.

Chi lo desidera può valutare l’idea di permutare un vecchio modello della linea, così da ricevere uno sconto significativo sull’acquisto del nuovo: tutte le informazioni a proposito dell’iniziativa sono consultabili sulle pagine del sito ufficiale.

Recensione ()

La sesta generazione di iPad arriva in un momento delicato per il segmento tablet, un mercato che vede la linea proposta dal gruppo di Cupertino costituire un’eccezione con le sue buone performance in termini di vendite. Rispetto al predecessore offre una CPU evoluta e il supporto all’utilizzo del pennino, abbattendo al tempo stesso il prezzo di lancio fino a 359 euro. Insomma, un best seller annunciato.

La volontà di Apple è chiara: proporre un dispositivo aggiornato in termini di hardware e software, pronto per l’avvento di tecnologie e applicazioni come quelle legate alla realtà aumentata, che strizza l’occhio all’ambito educativo (dove i Chromebook oggi fanno la voce grossa) e senza compromessi nella fruizione dei contenuti multimediali. Tutto questo lasciando che coloro più interessati alla produttività volgano lo sguardo verso la linea Pro.

La scelta di posizionare il prodotto in una fascia di prezzo relativamente bassa (il pennino va comunque acquistato separatamente a 99 euro) va a stuzzicare l’interesse di coloro che fino ad oggi si erano rivolti esclusivamente alle soluzioni Android per questioni di budget. La mela morsicata tenta dunque molti potenziali switcher, forte di un ampio ed eccellente catalogo di applicazioni ottimizzate per l’interazione con il suo tablet. Il design sostanzialmente non cambia, rimanendo fedele a un form factor già ben collaudato, con tutti i pro e i contro del caso. Gli unici nei sono forse da ricercare nelle performance della fotocamera e degli speaker, non esattamente di fascia alta.

Apple Pencil è il reale valore aggiunto e uno strumento che nelle mani dei creativi permette di esprimere tutto il proprio potenziale. L’interazione con lo schermo del tablet è quanto di meglio si possa desiderare: riconoscimento del livello di pressione, simulazione perfetta di penne, matite o pennelli, autonomia elevata e ricarica attraverso la porta Lightning. A far storcere il naso è solo l’assenza di un sistema per trasportare i due dispositivi insieme (per il modello Pro c’è una custodia ufficiale).

Galleria di immagini: iPad 2018: le foto