Speciale Apple Watch Series 4

Apple Watch Series 4

Apple Watch, ora anche con ECG

Durante l'evento del 12 settembre 2018, Apple ha presentato la nuova generazione dei suoi smartwatch: Apple Watch Series 4. Dal design più sottile rispetto ai predecessori, e con uno schermo del 30% più ampio, i dispositivi si dotano di nuove funzioni grazie al processore S4 e all'introduzione di nuovi sensori.

Particolarmente interessanti sono le funzioni dedicate alla salute, come la possibilità di effettuare un elettrocardiogramma ECG dal polso o di allertare i servizi di soccorso in caso di cadute. Con questa edizione, inoltre, anche i modelli LTE sbarcano in Italia e viene introdotta una Corona Digitale con feedback aptico.

Di

Il 12 settembre 2018, in occasione dell’evento “Gather Round” presso lo Steve Jobs Theater di Apple Park, il gruppo di Cupertino ha voluto presentare la quarta generazione dei suoi smartwatch: Apple Watch Series 4. Un orologio intelligente completamente ridisegnato, per un’estetica più sottile e funzionale, rinnovato anche nelle funzioni grazie all’introduzione di feature come l’elettrocardiogramma ECG. Quali sono tutte le caratteristiche del prodotto?

Di seguito tutte le peculiarità del nuovo Apple Watch Series 4, seguite dai precedenti aggiornamenti su Apple Watch Series 3 e Apple Watch Series 2. Di questi, il primo modello è ancora in vendita tramite i canali ufficiali Apple, mentre la versione meno recente è disponibile tramite rivenditori terzi o sul mercato dell’usato.

Apple Watch Series 4: disponibilità e prezzi ()

Apple Watch Series 4

Apple (immagine: Apple).

Apple Watch Series 4 è disponibile nei negozi e fra i rivenditori autorizzati a partire dal 21 settembre 2018, con una fase di preordine dal 14 dello stesso mese. Lo smartwatch è offerto in diverse configurazioni, a seconda dell’edizione, del materiale prescelto della scocca e del tipo di connettività.

La linea si compone di tre alternative – Apple Watch, Apple Watch Nike+ e Apple Watch Hermès – con casse in alluminio o acciaio da 40 o 44 millimetri, nelle colorazioni oro, argento e grigio siderale. I device possono essere scelti nella configurazione solo WiFI/GPS o con supporto cellulare alle reti LTE, una vera e propria novità per il mercato italiano considerando come la precedente edizione degli Apple Watch Series 3 non sia stata distribuita sullo stivale con supporto a questi network. L’edizione Hermès, tuttavia, è offerta solo in acciaio con LTE abilitato.

In linea semplificativa, i prezzi si compongono come spiegato di seguito, anche se possono variare a seconda della tipologia di cinturino richiesto. I listini comprendono IVA ed eventuali oneri di legge:

  • Apple Watch e Apple Watch Nike+ (alluminio): 439 o 469 euro rispettivamente per i 44 e 44 millimetri in modalità solo GPS, mentre per la versione LTE i prezzi aumentano a 539 e 569 euro;
  • Apple Watch (acciaio): offerto solo in edizione LTE, 709 o 749 euro a seconda del quadrante da 40 o 44 millimetri;
  • Apple Watch Hermès (acciaio): disponibile solo in modalità LTE e con cassa da 40 millimetri, è proposto a 1.479 euro.

Le versioni Cellular si avvalgono di una sim virtuale Apple e, al momento del lancio, solo Vodafone è elencato fra gli operatori compatibili. Altri carrier potrebbero aggiungersi nel corso dell’anno.

Apple Watch Series 4: novità di design

Apple Watch Series 4

Apple (immagine: Apple).

Il nuovo Apple Watch Series 4 si caratterizza per un design che, pur prendendo ispirazione dai modelli precedenti, risulta decisamente rinnovato. A partire dalle due già citate configurazioni della cassa, ora nelle proposte da 40 e 44 millimetri.

Galleria di immagini: Apple Watch Series 4, le foto

Oltre a essere più sottile rispetto alle precedenti generazioni, Apple Watch Series 4 incorpora uno schermo OLED dalle dimensioni più generose, grazie a un pannello maggiormente edge-to-edge e perfettamente arrotondato agli angoli. La Corona Digitale è invece meno sporgente, così come il tasto laterale praticamente integrato nella scocca, per un profilo più elegante e poco ingombrante. Novità anche per lo speaker, capace di garantire un audio del 50% migliore rispetto al passato, e per il microfono, quest’ultimo spostato a fianco della Corona Digitale per evitare effetti eco durante la conversazione. Il retro è realizzato in ceramica e cristallo di zaffiro nero, una configurazione che permette alle onde radio di attraversare con più facilità la scocca, garantendo quindi una connettività più efficiente. La stessa porzione incorpora nuovi sensori, tra cui gli elettrodi per l’elettrocardiogramma ECG, mentre la già citata Corona Digitale oggi prevede un feedback aptico per aiutare gli utenti durante la navigazione.

Apple Watch Series 4: hardware e funzioni

Apple Watch Series 4

Le grandi innovazioni di Apple Watch Series 4 sono però sul comparto hardware, dove il modello riesce a fare un vero e proprio salto di qualità rispetto ai suoi predecessori. Come già accennato, lo schermo è del 30% più ampio, un fatto che permette di ospitare sul display un maggior numero di informazioni su una risoluzione da 448×368 pixel, per una densità di 326 ppi.

La Corona Digitale, nel frattempo, introduce un complesso sistema di feedback aptico per proporre agli utenti dei “colpetti” durante la navigazione, affinché possano scegliere le varie opzioni mostrate a schermo con più facilità. La stessa è dotata di un particolare circuito di rilevazione che, in abbinato con gli elettrodi posti sulla superficie inferiore dello smartwatch, permettono di effettuare un elettrocardiogramma ECG. Sarà sufficiente adagiare il dito sulla corona e, in poco meno di 30 secondi, ricevere un resoconto sul proprio ritmo cardiaco. La funzione elettrocardiogramma è stata approvata dalla Food and Drug Administration (FDA) statunitense ed è stata testata da diversi organismi universitari: la possibilità di effettuare un ECG tramite Apple Watch verrà estesa nelle varie nazioni nel tempo, non appena verranno accordate le varie certificazioni nazionali. Il sensore posteriore per la rilevazione della frequenza cardiaca ora vede una configurazione a singolo LED centrale, mentre è stato aggiunto un sistema per l’identificazione delle cadute: quando lo smartwatch rileva una caduta pericolosa che ha colpito l’utente, e quest’ultimo non effettua movimenti entro 60 secondi dalla stessa, il dispositivo avverte automaticamente i servizi di assistenza e soccorso.

Il cuore pulsante di Apple Watch Series 4 è rappresentato dal nuovo SoC S4, quest’ultimo composto da un processore dual-core a 64 bit, del doppio più veloce rispetto alla precedente generazione. Nonostante la maggiore potenza, la batteria continua a garantire le medesime performance, con fino a 18 ore di uso continuativo.

Sul fronte software, Apple Watch Series 4 viene distribuito con watchOS 5, le cui funzioni sono già state ampiamente presentate nel corso della WWDC 2018. Il sistema operativo si concentra su comunicazione, salute e fitness e, dato lo schermo più ampio del device, introduce nuovi quadranti come Infograph e Breath, nonché soluzioni animate come Vapor, Liquid Metal, Fire e Water.

Apple Watch Series 3: disponibilità e prezzi ()

Apple Watch Series 3

Apple Watch Series 3 (immagine: Apple).

Apple Watch Series 3 è disponibile per l’acquisto dal 22 settembre 2017 e, con l’arrivo del successore Apple Watch Series 4, ha visto una riduzione sensibile dei suoi prezzi e la promozione, anche per il mercato italiano, al supporto della connettività LTE. La linea si differenzia tra Apple Watch e Apple Watch Nike+, entrambi proposti secondo i seguenti listini:

  • quadrante da 38 millimetri: 309 e 409 euro, per la versione solo GPS o GPS+LTE;
  • quadrante da 42 millimetri: 339 e 439 euro, sempre per le edizioni GPS o GPS+LTE.

Per quanto riguarda l’Italia, per le edizioni LTE da settembre 2018 è elencato un solo operatore compatibile con le sim virtuali Apple, ovvero Vodafone. Altri carrier potrebbero essere aggiunti nei mesi successivi.

Come di consueto, l’utente potrà sbizzarrirsi scegliendo i numerosi cinturini aggiuntivi per il proprio smartwatch, mentre le colorazioni per la scocca in alluminio anodizzato rimangono le canoniche oro, argento e grigio siderale.

Apple Watch Series 3: le novità

Apple Watch Series 3

Apple Watch Series 3 (immagine: Apple).

In occasione dell’evento del 12 settembre 2017, Apple ha presentato al pubblico la nuova generazione dei suoi smartwatch: Apple Watch Series 3. Il dispositivo, così come accennato, eredita il design dal modello precedente: la scocca rimane in alluminio anodizzato, disponibile nei colori oro, argento e grigio siderale, il tutto racchiuso nella classica configurazione da 38 e 42 millimetri, con schermo OLED in vetro ION-X.

Sul fronte dell’hardware, molte caratteristiche rimangono identiche alla generazione del 2016, tuttavia con qualche interessante fronte di novità. A partire dal processore, un nuovo SoC S3, sempre dual-core ma del 70% più veloce rispetto al già noto S2. Ancora, Apple Watch Series 3 incorpora un processore Bluetooth e WiFi della serie W2, dell’85% più veloce ma con un’efficienza energetica migliorata del 50%.

Così come già accennato, negli Stati Uniti e in alcune nazioni mondiali, Apple ha lanciato il suo primo esemplare dotato di connettività LTE. Il dispositivo sfrutta lo stesso numero telefonico associato al proprio iPhone e, per ragioni di spazio sotto la scocca, non incorpora una comune SIM bensì una sua variante elettronica e virtuale. Per questo motivo, il gruppo di Cupertino sta stringendo accordi con carrier in tutto il mondo per abbracciare questa tecnologia e, di conseguenza, servirà attendere l’annuncio di una partnership con quelli presenti sullo Stivale. Le antenne per le comunicazioni cellulari, nel mentre, sono state integrate al di sotto della copertura frontale, in modo del tutto invisibile. Grazie a questa peculiarità, Apple Watch Series 3 può ricevere e gestire chiamate, approfittare autonomamente della connessione dati in assenza di uno smartphone abbinato, nonché accedere all’intero catalogo di musica in streaming su Apple Music.

Il circuito LTE abilita anche la ricezione del segnale GPS e Glonass, mentre la dotazione hardware viene arricchita anche con l’inclusione di un altimetro barometrico. Praticamente invariate le altre caratteristiche, tra cui si elenca una resistenza all’acqua fino a 50 metri, cardiofrequenzimetro, accelerometro, giroscopio e uno storage da 8 GB.

Sul fronte del software, Apple Watch Series 3 sarà compatibile con tutte le novità introdotte con watchOS 4, in particolare con una maggiore attenzione al workout, oggi disponibile con sistemi di monitoraggio per la maggior parte delle principali discipline sportive, nonché con modalità facilitate di fruizione all’aperto. Non ultimo, lo smartwatch ora integra una versione di Siri parlante, tramite lo speaker inglobato nella scocca.

Apple Watch Series 2: dove tutto è partito ()

Apple Watch Series 2

Apple Watch Series 2 (immagine: Apple).

La generazione degli Apple Watch Series 2 ricalca il medesimo design del suo predecessore: l’orologio intelligente, di forma rettangolare, è accompagnato da uno schermo dal vetro arrotondato, completato con una corona digitale sul lato destro del dispositivo, nonché un pulsante per l’accesso rapido alle funzioni. Anche per questa tornata, Apple ha pensato di offrire agli utenti diversi materiali costruttivi per la scocca, a partire dalla versione in alluminio anodizzato disponibile nelle colorazioni oro, oro rosa, argento e grigio siderale. Segue quindi una cassa in acciaio inossidabile, dalla caratteristica lucentezza, nonché l’inedita scocca in ceramica bianca. Il vetro protettivo dello schermo, nel frattempo, è in cristallo di zaffiro per le versioni in acciaio e ceramica, mentre in vetro rinforzato agli ioni per quelle in alluminio.

Per questa seconda generazione, la tipologia in ceramica bianca sostituisce la precedente e lussosissima in oro e oro rosa, diventando a tutti gli effetti la nuova Apple Watch Edition.

A ognuna di queste configurazioni, possono essere abbinati i più svariati cinturini, anche provenienti dalla prima generazione. In particolare, il focus di quest’anno sembra essere sulle opzioni in nylon intrecciato, particolarmente caratteristiche, ma anche sulla nuova linea di eleganti cinturini in pelle targati Hermès. Quindi le più classiche possibilità, dalla maglia milanese fino alla pelle.

Caratteristiche hardware

Apple Watch Series 2

Apple Watch Series 2 (immagine: Apple).

Apple Watch Series 2 rappresenta un’edizione di smartwatch, pur ereditando aspetto e gran parte delle funzioni dal predecessore, capace di garantire un aumento sostanziale delle presentazioni. Dalla nuova resistenza all’acqua, passando per le capacità di elaborazione grafica onboard, il miglioramento è più che sensibile. Di seguito, i dettagli più interessanti.

Resistenza all’acqua

Apple Watch Series 2

Apple Watch Series 2 (immagine: Apple).

I nuovi Apple Watch Series 2 sono resistenti all’acqua fino a immersioni di 50 metri, grazie alla compliance con lo standard ISO 22810:2010. Grazie a questa caratteristica, lo smartwatch può essere usato per l’allenamento in piscina o in acqua aperta, mentre non è adatto per le immersioni subacquee profonde o per il contatto diretto con liquidi ad alta velocità, come lo scii d’acqua. Apple Watch Series 2 è quindi un dispositivo “swim-proof”, tanto che la società californiana ha pensato anche a funzioni software specificatamente pensate per i nuotatori.

Questa capacità di resistere all’acqua ha spinto Apple a riprogettare le componentistiche interne. Per garantire una corretta propagazione dell’audio prodotto dallo speaker, la società non ha potuto sigillare completamente il device, poiché questo ne avrebbe inibito la propagazione corretta del suono. Per questo motivo, Cupertino ha sviluppato un innovativo sistema che, grazie alle vibrazioni sonore prodotte proprio dall’altoparlante, spinge l’acqua eventualmente contenuta nel dispositivo verso l’esterno.

Chipset, schermo e connettività

Apple Watch Series 2

Apple Watch Series 2 (immagine: Apple).

Gli Apple Watch Series 2 comprendono la tecnologia System In Package (SiP), ovvero un sistema che, in pochissimi millimetri, comprende tutte le componenti hardware su un solo circuito. Inaugurato lo scorso anno con il S1, Apple ha quindi introdotto la versione successiva S2, più prestante nell’elaborazione soprattutto a livello grafico. Le funzioni di Apple Watch risultano infatti più scattanti, mentre le app possono approfittare di una GPU completamente rinnovata, fino a 2 volte le prestazioni della precedente edizione, nonché capace di elaborazioni a schermo fino a 60 fotogrammi al secondo. Lo schermo stesso è più luminoso: rispetto all’OLED di prima generazione, ne raddoppia la luminosità con una specifica da 1.000 nit. Il display, naturalmente, include il sistema Force Touch per il riconoscimento della forza di pressione, così da abilitare velocemente menu contestuali e funzioni aggiuntive.

Anche sul fronte della connettività e della localizzazione gli Apple Watch Series 2 ricevono un importante upgrade. Oltre alla classica compatibilità WiFi con gli standard 802.11b/g/n a 2.4 GHz, nonché al Bluetooth 4.0, i device incorporano ora nel SiP un circuito per il GPS integrato. Grazie a questo, si potranno misurare distanze, ritmo di camminata e altri dati sul proprio allenamento, senza la necessità di portare con sé l’iPhone abbinato al device.

Sensori

Apple Watch, sensori

Apple Watch, sensori (immagine: Apple).

Anche Apple Watch Series 2 include dei comodi sensori per le più svariate funzioni, così come nella precedente generazione. L’orologio intelligente comprende infatti un cardio­frequenzimetro, per la misura costante dei battiti cardiaci e della frequenza cardiaca, quindi un accelerometro, un giroscopio e un sensore di luce ambientale.

Il cardiofrequenzimetro, in particolare, funziona tramite lo stesso sistema a LED della precedente edizione, con due esemplari a luce infrarossa, posti sulla scocca inferiore del device affinché siano sempre a contatto con la pelle.

Apple Watch Nike+

Apple Watch Nike+

Apple Watch Nike+ (immagine: Apple).

In concomitanza al lancio di Apple Watch Series 2, la società di Cupertino ha anche presentato uno smartwatch in edizione speciale: Apple Watch Nike+. Dalle medesime caratteristiche tecniche proprio della seconda edizione, questo device viene ottimizzato con delle funzioni specificatamente orientate allo sport, elaborate in collaborazione con il colosso Nike.

Ad esempio, Apple Watch Nike+ include dei comandi esclusivi per Siri, nonché offre dei caratteristici quadranti Nike, a cui si aggiunge una perfetta integrazione con l’applicazione Nike+ Run Club. Quest’ultima, è pensata non solo come strumento per motivare allo sport, con reminder e programmi d’allenamento personalizzati, ma anche allerte meteo e la possibilità di interagire con i propri contatti, avviando anche delle sfide di corsa.

Apple Watch Nike+, inoltre, presenta un cinturino esclusivo realizzato con lo stesso fluoroelastomero di Apple Watch Sport, perforato per garantire il massimo della ventilazione e della traspirazione, nonché affinché sia efficiente nella gestione del sudore. Il cinturino è disponibile in quattro edizioni bicolore, mentre il device è in vendita a partire da 469 euro.

Software

watchOS 3

watchOS 3 (immagine: Apple).

Apple Watch Series 2, così come la rinnovata Series 1 e le edizioni Hermés e Nike+, viene distribuito con watchOS 3.0 preintallato. Il sistema operativo introduce delle funzioni migliorate rispetto alla precedente edizione, sia a livello di quadrante che dal nuovo Dock, pensato per visualizzare le informazioni aggiornate in background. WatchOS 3, inoltre, include nuove funzioni di salute e fitness, tra cui un’app dedicata agli esercizi di respirazione per rilassarsi e combattere lo stress. Completano la dotazioni nuovi quadranti, da Minnie Mouse a Numerals, nonché l’integrazione con alcune delle nuove feature di iOS 10, quali gli sticker iMessage.

Immagine: Apple