Speciale Samsung Galaxy S11

Samsung Galaxy S11 render

Samsung Galaxy S11, fotocamere spaziali

La serie Galaxy S10 ha rappresentato per Samsung una vera rivoluzione, considerate le numerose novità rispetto ai precedenti Galaxy S9. A giudicare dalle indiscrezioni che circolano online da varie settimane, l’operazione di restyling proseguirà con la serie Galaxy S11. Si prevedono infatti modifiche estetiche derivate dai Galaxy Note 10 e soprattutto nuove fotocamere posteriori con specifiche migliori, tra cui il sensore principale da 108 megapixel e il teleobiettivo a periscopio con zoom ottico 5x. Il produttore coreano dovrebbe annunciare tre modelli, tutti con connettività 5G. Il sistema operativo sarà ovviamente Android 10.

Di

Samsung occupa saldamente il primo posto della top 5 dei produttori mondiali, grazie ad un’offerta di smartphone piuttosto ampia che soddisfa le esigenze di tutti gli utenti, ma le vendite dei modelli di fascia alta sono ancora inferiori alle attese. I concorrenti cinesi sono sempre più agguerriti, quindi è necessario introdurre sostanziose novità con la serie Galaxy S11. Una delle più importanti riguarderà sicuramente il comparto fotografico con l’uso di nuovi sensori ad alta risoluzione, ottiche “spaziali” e funzionalità esclusive.

Design ()

Le prime immagini sono state pubblicate online dal noto leaker Steve Hemmerstoffer. I render, ricavati dai disegni CAD, potrebbero rappresentare solo versioni preliminari dei Galaxy S11e/S11/S11+, ma permettono ugualmente di conoscere il possibile aspetto finale degli smartphone. Samsung dovrebbe utilizzare ancora uno schermo Infinity-O, come per i Galaxy S10. Si prevede però una singola fotocamera frontale per tutti i modelli, quindi un solo foro spostato al centro, come nei Galaxy Note 10.

Lo spessore delle cornici è stato ulteriormente ridotto e anche il Galaxy S11e dovrebbe avere uno schermo dual edge. Lungo i lati si notano i pulsanti per accensione e volume, la griglia dell’altoparlante e la porta USB Type-C. Non c’è il jack audio da 3,5 millimetri, quindi Samsung abbandonerà quasi sicuramente questo connettore analogico. Assente anche il pulsante per attivare l’assistente personale Bixby.

La novità estetica più appariscente è senza dubbio rappresentata dalle fotocamere posteriori. La posizione è la stessa scelta per i Galaxy Note 10, ma le dimensioni sono decisamente maggiori. All’interno del modulo è presente un numero variabile di lenti, in base al quale verranno differenziati i tre modelli.

Fotocamere ()

In base ai render apparsi online, i Galaxy S11e/S11/S11+ avranno rispettivamente tre, quattro e cinque fotocamere posteriori. Sulle specifiche ci sono ancora informazioni discordanti. Tutti i modelli dovrebbero integrare una fotocamera principale con sensore da 108 megapixel che permette di ottenere scatti da 27 megapixel, grazie alla tecnologia Pixel Binning. Per i Galaxy S11e e S11 si prevede il Samsung ISOCELL HMX, mentre il Galaxy S11+ dovrebbe integrare un altro tipo di sensore con la stessa risoluzione, ma di qualità superiore. Sembra dunque arrivato il momento di abbandonare il sensore da 12 megapixel utilizzato a partire dal Galaxy S7. La seconda fotocamera dovrebbe invece avere un obiettivo ultra grandangolare.

Per il Galaxy S11e si prevede inoltre un teleobiettivo con zoom ottico 2x, mentre i Galaxy S11/S11+ dovrebbero avere un teleobiettivo a periscopio con zoom ottico 5x. Indizi sulla sua presenza sono arrivati dal marchio Space Zoom registrato da Samsung in Europa. Ecco perché si può parlare di fotocamera “spaziale”. Il funzionamento è visibile nel video.

La quarta fotocamera dei Galaxy S11/S11+ potrebbe avere un sensore ToF (Time-of-Flight). Il Galaxy S11+, infine, dovrebbe integrare un sensore Bright Night dedicato alla fotografia notturna. Il produttore coreano includerà nuove funzionalità avanzate, tra cui la registrazione 8K@30fps.

Schede tecniche ()

Una nuova serie Galaxy S significa anche nuovi componenti hardware, tra cui il processore. Queste sono le possibili schede tecniche dei tre modelli, in base alle indiscrezioni apparse online. Ovviamente si tratta di ipotesi, quindi da prendere con le famose molle. In caso di novità verranno prontamente aggiornate. Sembra tuttavia quasi certo che i Galaxy S11e/S11 verranno offerti in versione LTE e 5G, mentre il Galaxy S11+ solo in versione 5G.

Galaxy S11e

Il Galaxy S11e dovrebbe avere uno schermo Dynamic AMOLED da 6,3 pollici, processori Exynos 990 e Snapdragon 865, 6 GB di RAM, 128/256 GB di storage, connettività WiFi 802.11ax (Wi-Fi 6), Bluetooth 5.1, GPS, Galileo, NFC, LTE e 5G, lettore di impronte digitali in-display ad ultrasuoni e batteria da almeno 3.800 mAh con supporto alla ricarica rapida da 25 Watt.

Galaxy S11

Il Galaxy S11 dovrebbe avere uno schermo Dynamic AMOLED da 6,7 pollici, processori Exynos 990 e Snapdragon 865, 8 GB di RAM, 128/256 GB di storage, connettività WiFi 802.11ax, Bluetooth 5.1, GPS, Galileo, NFC, LTE e 5G, lettore di impronte digitali in-display ad ultrasuoni e batteria da almeno 4.300 mAh con supporto alla ricarica rapida da 25 Watt.

Galaxy S11+

Il Galaxy S11+ dovrebbe avere uno schermo Dynamic AMOLED da 6,9 pollici, processori Exynos 990 e Snapdragon 865, 12 GB di RAM, fino a 1 TB di storage, connettività WiFi 802.11ax, Bluetooth 5.1, GPS, Galileo, NFC e 5G, lettore di impronte digitali in-display ad ultrasuoni e batteria da 5.000 mAh con supporto alla ricarica rapida da 45 Watt.

Software ()

Al momento l’unica certezza è proprio il sistema operativo. Sui tre smartphone verrà sicuramente installato Android 10 personalizzato con la nota interfaccia One UI 2.0. Gli utenti troveranno anche nuove app o aggiornamento di app già disponibili sullo store Samsung.

Disponibilità e prezzi ()

L’annuncio ufficiale è previsto per febbraio 2020, probabilmente durante la terza settimana. Sicuramente il produttore organizzerà un evento dedicato prima del Mobile World Congress 2020 di Barcellona. Per effettuare l’acquisto si dovrà attendere l’inizio di marzo 2020. Per quanto riguarda i prezzi si prevedono cifre in linea con quelli della serie Galaxy S10.