Assassin’s Creed Syndicate – Video Recensione

Il nuovo titolo Assassin’s Creed Syndicate si sposta nella decadente e imponente Londra di vittoriana memoria, nel vivo della rivoluzione industriale.

,

Come accade per la maggior parte delle serie videoludiche a cadenza annuale, anche Assassin's Creed è entrato nel tunnel dell'omologazione. Con il capitolo dello scorso anno, Unity, Ubisoft ha compiuto un mezzo passo falso proponendo un'esperienza di gioco derivativa e incapace di tenere testa a Black Flag, dove la componente navale riuscì a convincere tutti e svecchiare finalmente un pacchetto contenutistico invariato da anni.

Il nuovo capitolo della serie, Assassin's Creed Syndicate, si sposta nella decadente e imponente Londra di vittoriana memoria, nel vivo della rivoluzione industriale. Protagonisti delle vicende sono due fratelli assassini, Jacob ed Evie Frye, la cui missione è quella di spezzare definitivamente la morsa dei Templari sulla capitale britannica sabotando le diverse attività economiche dei rivali e stringendo alleanze con la criminalità organizzata.

Con Assassin's Creed Syndicate finalmente la serie propone un combat system divertente e al tempo stesso impegnativo, la Londra vittoriana è un vero e proprio gioiello e alcuni piccoli passi in avanti sul fronte stealth sono stati compiuti. Purtroppo la presenza di due protagonisti non ha alcuna influenza sull'esperienza e le altre novità introdotte non ci hanno colpito particolarmente. Assassin's Creed Syndicate resta un buon prodotto, ma prosegue nel tunnel di omologazione tracciato dal suo predecessore e che, prima o poi, colpisce tutte le serie annuali.