La risposta degli Anonymous italiani

Gli Anonymous scendono in campo in favore del ramo italiano del movimento, difendendone i diritti e preannunciando vendetta.

,

Gli arresti non bastano, le perquisizioni non sono un ostacolo: gli Anonymous hanno pubblicato un video di risposta all'offensiva delle autorità italiane ricordando che la "legione" non ha leader, che non si può fermare e che pertanto i fermi delle ultime ore non saranno che una parentesi destinata a chiudersi rapidamente senza ricadute sul movimento. Gli Anonymous, anzi, gridano vendetta: il gruppo intende far capire di essere vivi anche nel nostro paese, chiama a raccolta la cittadinanza e preannuncia "conseguenze" per quanto accaduto. Il manifesto ricorda che i "pericolosi hacker" (così definiti dai media) sono persone comuni che protestano pacificamente per la difesa dei propri diritti. In difesa di queste persone comuni gli Anonymous preparano ora il contrattacco.