Lightning Returns: Final Fantasy XIII, Recensione

Apocalisse e sfide contro il tempo nel capitolo finale di Final Fantasy XIII, la nostra recensione in video.

,

Con Lightning Returns si chiude definitivamente il trittico del tredicesimo capitolo di Final Fantasy, cominciato nel 2010 con Final Fantasy XIII e continuato l'anno successivo da Final Fantasy XIII- 2. Andiamo a scoprire con questa video recensione come si concludono le vicende della fascinosa e tormentata guerriera dalla chioma rosa.

 Protagonista delle vicende è ovviamente la bella e misteriosa Lightning, che in questo capitolo riveste il ruolo della salvatrice, colei che sotto la guida delle Dea della luce Bhunivelze deve traghettare le anime delle persone nel nuovo mondo prima che il Caos – una sorta di energia negativa che corrompe persone e città intere – avvolga completamente il mondo, distruggendolo. L'apocalisse è inevitabile, e quindi si tratta di una vera e propria lotta contro il tempo. La trama è interessante, ma il modo in cui viene stata sviluppata e la lentezza generale della narrazione ne tarpano le ali.

Il capitolo finale del ciclo Final Fantasy XIII si chiude con un prodotto senz'arte ne parte. La componente temporale, vero punto di forza del gioco – seppur originale – non riesce a convincere appieno, e l'assenza di un vero sistema di crescita si fa sentire negativamente nell'economia del gioco. Interessanti gli asset che consentono a Lightning di cambiare notevolmente in battaglia sia dal punto di vista delle abilità che del vestiario. Sicuramente consigliato per chi vuole scoprire come si conclude la storia di Lightning & Co, ma non ci si deve aspettare nulla di eccezionale.