Ologrammi 3D con feedback aptico

L’evoluzione degli ologrammi 3D: sfruttando una serie di altoparlanti che generano onde sonore è possibile restituire un feedback alle mani dell’utente.

,

Un team di ricercatori della University of Bristol, in UK, ha messo a punto un'innovativa tecnologia che evolve il concetto di ologramma 3D: sfruttando una serie di piccoli altoparlanti che generano onde sonore in modo controllato è possibile restituire un feedback aptico alle mani dell'utente, in modo che questo abbia la sensazione di toccare realmente l'oggetto rappresentato e visualizzato. In futuro un concept di questo tipo potrebbe trovare applicazione, tra le altre cose, anche in ambito medico, con il personale in grado di "entrare nel corpo del paziente" durante un esame diagnostico.