Steve Ballmer presenta Microsoft Surface

Ballmer è tornato sul palco ed ha annunciato quello che è il futuro di Microsoft: un ritorno all’hardware, un balzo tra i tablet, la nascita di Surface.

,

Le keynote di presentazione di nuovi prodotti sono spesso passate alla storia come elementi cardine della storia delle varie aziende che hanno segnato il cammino dell'innovazione tecnologica. Apple ha creato così l'icona di Steve Jobs, Microsoft ha visto invece l'istrionico Steve Ballmer protagonista di svariati capitoli del post-Bill Gates. Oggi è il momento del tablet Microsoft Surface, l'elemento di congiunzione tra la Microsoft del passato e la Microsoft del futuro.

Ballmer ha invitato improvvisamente i giornalisti nei pressi di Los Angeles ed ha messo tra le loro mani il prototipo di quel che è destinato a diventare l'anti-iPad per eccellenza. Basato su sistema operativo Windows 8, Surface sarà disponibile in due versioni, la prima delle quali giungerà sul mercato in contemporanea al nuovo sistema operativo (presumibilmente nel mese di ottobre).

Durante la presentazione Ballmer ha sottolineato a più riprese la necessità di supportare la crescita del software con una produzione hardware proprietaria che funga da stimolo per catapultare i produttori verso una nuova dimensione. Microsoft si fa carico del rischio, insomma, per imporre Windows 8 e tirare in seguito a bordo nuovi partner interessati a questo tipo di mercato.

Nasce così Microsoft Surface, il tablet che nasce supportato da una grande ambizione e gravato di una grande responsabilità. L'era del post-PC, a Redmond, ha trovato ora una risposta chiara alle sollecitazioni provenienti dal mercato.