Stevie Wonder: grazie Steve Jobs

Durante un concerto a Los Angeles, Stevie Wonder ha ringraziato la Apple per i suoi sforzi per rendere accessibili i suoi device ai disabili.

,

«Non c'è niente che potete fare su iPhone o iPad che non possa fare anch'io». Così si è rivolto al pubblico Stevie Wonder durante un concerto improvvisato a Los Angeles lo scorso fine settimana. Il celebre artista afroamericano si è reso protagonista in questi ultimi anni di una campagna di sensibilizzazione per impegnare le aziende come la Apple a rendere più accessibili i suoi device anche a chi soffre di gravi disabilità. Sforzi che hanno portato alcuni miglioramenti al sistema iOS, con layers di supporto appositamente ideati per non vedenti e non udenti o con limitazioni motorie. VoiceOver - in cui gli utenti non vedenti possono toccare lo schermo del dispositivo per ascoltare una descrizione  - e FaceTime, ad esempio, hanno accorciato molto la distanza tra normodotati e disabili nell'utilizzo di iPhone e Ipad.  E così, Stevie Wonder si è ricordato di una persona che in questo momento non se la passa bene in quanto a salute. «Voglio ringraziare qualcuno la cui azienda ha accettato la sfida di rendere la sua tecnologia accessibile a tutti, nello spirito di curare e spostare il mondo un passo avanti: Steve Jobs. È un dato di fatto: posso mettermi a parlare con voi, potete cercarmi, posso fare qualsiasi cosa che ho bisogno di fare e non sapete nemmeno cosa sto facendo!»