QR code per la pagina originale

Castlevania Judgment

Castlevania torna al 3D, ma in un genere inedito

Voto WebNews
NC
Data di uscita

1 Gennaio 2009

Giudizi
Pro

Contro

Di ,

Anteprima

La saga di Castlevania è ormai sulla scena videoludica da un ventennio, con una fama consolidata nel suo genere, un mix fra platform, action e GDR, specie nelle sue versioni in due dimensioni. In effetti, le incarnazioni in ambiente 3D (due per Nintendo 64 e due per PlayStation 2) hanno più o meno deluso.

La Konami, però, ci riprova con il tridimensionale in Castlevania Judgment, per Nintendo Wii, ma non con l’intenzione di realizzare un nuovo cross-over platform/RPG, bensì con la volontà di creare uno spin-off che si distacchi dai canoni della saga. Ed ecco che i personaggi della famosa serie “vampiresca” verranno sfruttati per lo sviluppo di un picchiaduro!

Sarà questa la volta giusta per attaccare il bollino di eccellenza a un episodio di Castlevania in 3D? È presto per dirlo, ma il game designer Koji Igarashi, nel parlare di Castlevania Judgment, ha sottolineato che la sua intenzione è quella di sfruttare l’innovativo sistema di controllo della Wii. Inizialmente, si doveva trattare di un adventure/RPG tridimensionale sulla falsariga degli episodi per PS 2, ma ben presto il designer della Konami si è reso conto che attaccare i numerosi nemici a colpi di wiimote sarebbe risultato eccessivamente oneroso per il giocatore. Da qui l’idea di cambiare del tutto strada.

E non è l’unica cosa che è cambiata. Da quanto è stato possibile vedere, anche il character design ha infatti subito un’evoluzione (passando nelle mani di Takeshi Obata, con la collaborazioni di designer provenienti dalle produzioni Konami di Elebits e Dewy’s Adventure), con un deciso cambio di look dei personaggi anche per quanto riguarda l’aspetto del vestiario e dei costumi.

Entrando nel dettaglio di Castlevania Judgment, si sa che il wiimote potrà essere utilizzato sia per gli attacchi base, sia per gli attacchi eseguiti con l’arma secondaria (croci, coltelli, acqua santa, e tutto il classico repertorio anti-vampiro) mentre il movimento dei personaggi sarà libero in tutte le direzioni nell’ambiente tridimensionale, sullo stile del mitico Powerstone.

Inoltre ogni personaggio (ce ne sono 14: Simon Belmont, Dracula, Death, Trevor Belmont, Grant Danasty, Sypha Belnades, Alucard, Maria Renard, Carmilla, Eric Lecarde, Golem, Cornell, Shanoa, Aeon) avrà armi differenti e ogni stage metterà a disposizione un ambiente interattivo, dal quale sarà possibile raccogliere item e realizzare delle trappole. Nello specifico, gli stage vanno da vecchi monasteri, a sale del trono, da villaggi pieni di non morti, a camere delle torture; sostanzialmente, l’idea che ci siamo fatta è che siano stati presi gli sfondi degli episodi bidimensionali ed estesi in tre dimensioni a formare ambienti altamente spettacolari.

Il gameplay è arricchito dalla potenziale spettacolarità degli incontri, caratterizzati da inquadrature ed effetti speciali e da soluzioni tattiche come la possibilità di evocare mostri da inviare contro i propri avversari.

Castlevania Judgment sfrutterà anche la connessione per gli scontri in multiplayer e inoltre, permetterà di sbloccare contenuti per Castlevania: Order of Ecclesia per Nintendo DS.

Insomma, sono molti gli elementi che inducono a pensare che Castlevania Judgement possa essere un picchiaduro originale e capace di appassionare i fan della saga e non.