QR code per la pagina originale

Fallout 3: Broken Steel

Nuove armi e nemici, nessun limite di livello e un diverso finale

Voto WebNews
9,2
Data di uscita

5 Maggio 2009

Giudizi
  • Giocabilità9,5
  • Grafica9,3
  • Sonoro9,8
  • Longevità8,0
Pro

Interessante espansione. Nuove armi e nemici. Nuove suggestive location. Convincenti missioni e sub-quest aggiuntive

Contro

Niente da rilevare

Di ,

Giocabilità

Fra i principali elementi che caratterizzano Fallout 3: Broken Steel spicca la possibilità di sbloccare il livello massimo raggiungibile, che viene innalzato a 30 (in Fallout 3 non è possibile andare oltre il 20). Tale scelta è molto probabilmente dovuta alle lamentele degli utenti di tutto il mondo, frustrati da tale decisione di gameplay eseguita dagli sviluppatori.

Grazie all’aumento di livello sarà possibile ottenere una serie di nuovi obbiettivi da raggiungere, ma anche una serie di spiacevoli conseguenze. Ad esempio, registriamo un considerevole incremento della difficoltà dei nemici da affrontare, che diventeranno un serio problema in numerose situazioni di gioco e che renderanno molto più complesso il procedere nell’avventura.

Non è semplice neppure raggiungere il livello massimo possibile nel gioco: per riuscirvi è necessario faticare le fatidiche sette camicie, accumulare un enorme quantitativo di punti esperienza e ritornare nei luoghi originali di Fallout 3 in cerca di nuovi scontri e situazioni. Infatti, completando soltanto le missioni e side-quest presenti nell’espansione non è possibile accumulare un numero di punti esperienza sufficiente per raggiungere il livello massimo.

Fallout 3: Broken Steel introduce anche diverse nuove armi, oltre al sopracitato cannone Tesla, e armature aggiuntive che sarà possibile raccogliere negli sterminati territori da esplorare. Il cannone, che porta il nome del grande scienziato serbo, rappresenta l’arma definitiva di Fallout 3: si tratta di un enorme e pesante dispositivo in grado di scaricare una quantità d’energia tale da vaporizzare un nemico con un solo colpo.

Con quest’ incredibile arma sarà possibile ricoprire un ruolo importante nella tremenda guerra in atto fra l’Enclave e i Brotherhood, che sta insanguinando la regione in cui si svolge il gioco.

Oltre al cannone Tesla, sarà possibile ottenere altre due nuove armi principali, dotate anch’esse di una potenza devastante: si tratta del Lanciafiamme, che consente di sparare delle terribili palle di fuoco, e del Tri-Laser. Sarà possibile ottenere queste due armi eliminando due dei nuovi nemici inclusi nell’espansione, vale a dire gli Overlord Super Mutante e i nuovi soldati dell’Enclave.

L’azione di gioco, a differenza di quanto avveniva negli altri due contenuti scaricabili, si dimostra molto più interessante e varia, riuscendo a vivere di vita propria senza apparire come un remix delle situazioni e dei luoghi del gioco principale.

Non intendiamo anticiparvi troppi dettagli della storia, ma sin dalle prime battute sarà possibile attraversare nuove locazioni ricche di ostiche insidie in grado di inquietare anche i giocatori con più pelo sullo stomaco. In tutto, sarà possibile aver ragione delle missioni principali di Fallout 3: Broken Steel in una decina di ore di gioco, side-quest comprese, un quantitativo tutto sommato più che soddisfacente per un DLC così a buon mercato.

Giudizio tecnico

Per quanto riguarda il fattore tecnico di Fallout 3: Broken Steel, c’è poco di nuovo da rilevare. Il gioco si basa ovviamente sul motore grafico e sullo stile creativo del gioco Bethesda, conservandone la qualità assoluta oltre a qualche piccolo difetto congenito.

Per il resto, non possiamo che sottolineare la qualità realizzativi delle nuove locazioni, che aggiungono un pizzico di novità gradita soprattutto agli utenti che hanno ormai assaporato Fallout 3 fino al midollo. Le nuove armi sono caratterizzate da effetti più che soddisfacenti, mentre i nuovi nemici contribuiscono a incrementare il valore aggiunto garantito dall’espansione.

In sintesi, Fallout 3: Broken Steel si dimostra un eccellente DLC offerto a un prezzo più che onesto. A differenza dei due precedenti contenuti scaricabili, offre la possibilità di sbloccare il livello massimo raggiungibile, di superare il controverso finale dell’avventura originale, e di godere di un’altra decina d’ore abbondanti.

I nuovi risvolti della storia sono interessanti e consentono di aggiungere alcuni elementi al gioco e una serie di stimolanti nuove missioni. Pertanto non possiamo che consigliare Fallout 3: Broken Steel sia agli appassionati dell’epico RPG della Bethesda sia a chi non ha ancora assaporato l’olocausto post-nucleare del Gioco dell’Anno 2008!