QR code per la pagina originale

FIFA Football

Il calcio per eccellenza va in onda su PS Vita, ed è subito serata da Champions!

Voto WebNews
8,2
Data di uscita

22 Febbraio 2012

Giudizi
  • Giocabilità8,0
  • Grafica8,0
  • Sonoro8,5
  • Multiplayer8,0
  • Longevità8,5
Pro

Parco licenze sconfinato. Gameplay tradizionale pressoché speculare rispetto alla versione PS3. Comparti tecnico e sonoro di impatto. Longevità assicurata dalle molte modalità.

Contro

Sistema di controllo touch e gestione dei dribbling da rivedere. Occasionali sbavature in sede di animazioni, collisioni tra giocatori e framerate. Assenza della modalità Ultimate Team.

Di ,

Trama

Il debutto di PlayStation Vita passa anche dai campi di calcio più blasonati dell’universo videoludico. Con un tempismo da attaccante puro, Electronic Arts è infatti riuscita a ultimare Fifa Football entro tempi record, andando così ad arricchire una day one line-up già alquanto nutrita.

Come ampiamente preventivato, Fifa Football punta a trasferire sul luccicante schermo della nuova console Sony tutto il patrimonio tecnico-concettuale di quella che viene universalmente riconosciuta come la miglior simulazione calcistica mai realizzata, il che implica innanzitutto il supporto di un parco licenze analogamente vasto. Ad evidenziare ulteriormente la volontà di ridurre al minimo le differenze con la rispettiva controparte home, vengono riproposte anche le medesime modalità di gioco: Carriera, Stagione e Be a Pro in primis, con l’unica, inaccettabile esclusione della Ultimate Team, limitando così tutte le principali novità all’introduzione di un inedito sistema di controllo teso a sfruttare le singolari risorse offerte in tal senso dalla PS Vita.

Per quanto intrigante, quest’iniziativa non si è rivelata purtroppo efficace quanto avremmo sperato. Se la scelta di affidare al touchpad posteriore della console il compito di gestire direzione e potenza dei tiri in FIFA Football risulta azzeccata, altrettanto non si può infatti affermare per quanto concerne l’uso dei passaggi mediante touchscreen. Macchinosa e imprecisa, questa soluzione finisce presto col distrarre l’utente, costringendolo a concentrarsi più sul tentativo di mandare a buon fine un semplice scambio che sulla partita vera e propria.

Alla luce di questo risvolto, è pertanto una fortuna che sia possibile affidarsi anche al sistema di controllo tradizionale. Collaudato e performante, quest’ultimo garantisce in effetti maggior padronanza delle dinamiche di gioco, senza peraltro cedere ad alcun compromesso casual. Al contrario di quanto sarebbe stato magari lecito supporre, Fifa Football presenta difatti la medesima interfaccia di comando apprezzata su PS3, ereditando così tutte quelle sfumature in grado di offrire all’utente un adeguato controllo sulla fase difensiva, i contrasti e l’elaborazione degli schemi. Chiaramente non tutto rispecchierà alla lettera i parametri di eccellenza propri della controparte home, e di certo la gestione libera dei dribbling non ne eredita la medesima versatilità. Tuttavia, nessuno potrà mai negare che (sempre a patto di giocarlo in ottica tradizionale) Fifa Football rappresenti, in tal senso, la più completa simulazione calcistica mai apparsa su un sistema handheld.

Sotto il profilo tecnico, Fifa Football fa discreto sfoggio delle celebratissime potenzialità della PlayStation Vita, offrendo all’utenza uno spettacolo complessivamente simile a quello visto con la sua controparte PS3. A modelli poligonali solidi e animati generalmente con cura, va abbinandosi una gestione della fisica piuttosto efficace che rimarca, seppur con qualche tentennamento in più, la performance del motore Impact già utilizzato in FIFA 12. Se texture di alto livello garantiscono una rappresentazione notevole degli atleti in campo e degli stadi che li ospitano, è invece possibile riscontrare alcune incertezze in fatto di framerate. Generalmente confinati alle azioni più affollate, ai cambi di gioco repentini o allo svolgimento dei match in multiplayer, questi episodi non hanno comunque il potere di compromettere che in minima parte l’esperienza globale.

Nel segnalare, infine, la contingente presenza di un comparto sonoro di qualità davvero elevata (sia in termini di effettistica, che sotto il profilo della telecronaca e della sezione musicale) ci congediamo da Fifa Football con un giudizio positivo, che prelude sicuramente a un futuro più roseo. Non appena i ragazzi del team EA Sports riusciranno ad ottimizzare il sistema di controllo dedicato all’interfaccia touch, FIFA Football potrà infatti splendere di luce propria, senza limitarsi ad essere soltanto una lussuosa conversione handheld del suo fratello maggiore.