QR code per la pagina originale

SBK 2011

Il ritorno della migliore simulazione motociclistica, ma con poche novità

Voto WebNews
7,9
Data di uscita

29 Aprile 2011

Giudizi
  • Giocabilità8,0
  • Grafica7,0
  • Sonoro8,0
  • Multiplayer8,0
  • Longevità8,5
Pro

Ottime animazioni dei piloti. Modello di guida eccellente.

Contro

Graficamente migliorabile. Troppo simile a SBK X.

Di ,

Trama

Dopo MotoGP anche SBK scende di nuovo in pista con l’edizione 2011, nel tentativo di aggiungere elementi innovativi all’interno di un’esperienza da anni considerata il top per gli appassionati di motociclismo. In seguito ai profondi cambiamenti introdotti con SBK X, tuttavia, sembrerebbe che i ragazzi di Milestone abbiano avuto qualche difficoltà a continuare lungo il sentiero dell’innovazione, visto che sono davvero pochi gli elementi che distinguono questo episodio della serie dal suo predecessore.

Il primo dettaglio che balza all’occhio quando si avvia il gioco è l’assenza della Modalità Arcade, inserita in SBK X per offrire un’esperienza diversa dal solito e snobbata dalla maggior parte degli appassionati. Al suo posto è stato inserito il Photo Mode, molto simile a quello già visto in altri giochi di guida e pensato principalmente per permettere ai giocatori di scattare le istantanee dei momenti più belli e spettacolari delle proprie gare, per poi salvarle sulla console o condividerle attraverso Internet.

A differenza di quanto accade in Gran Turismo 5, per fare un esempio, nel caso di SBK 2011 il comparto grafico presenta alcune imperfezioni che nelle fotografie a distanza ravvicinata vengono evidenziate ulteriormente, rendendo questa interessante modalità meno efficace di quando avrebbe potuto essere.

Photo Mode a parte, l’altra novità evidente di SBK 2011 riguarda le animazioni dei piloti, ridisegnate da zero in modo da garantire un’esperienza ancor più convincente che in passato. Ogni centauro può finalmente contare su movimenti fluidi e convincenti, sia in fase di impostazione delle curve e di spostamento del peso che, soprattutto, durante le cadute.

Al di là di questi due elementi, SBK 2011 si presenta estremamente simile al capitolo precedente, offrendo al giocatore la possibilità di divertirsi con la Gara Veloce, di mettersi alla prova con le Sfide a Tempo o, per confrontarsi con esperienze più vaste e avvolgenti, di dedicarsi al Campionato, alla Carriera e alla modalità SBK Tour.

La Carriera e il Tour, in particolare, sono le parti più corpose presenti nel disco, anche se appaiono in tutto e per tutto simili a quelle già viste in SBK X. La prima ruota attorno alla necessità di accumulare fama per raggiungere i vertici del motociclismo mondiale (vincendo le gare e completando una serie di obiettivi secondari per guadagnare punti extra), mentre la seconda propone diverse sfide utili a testare e migliorare il proprio stile di guida.

Come accade tutti gli anni, comunque, il cuore di SBK 2011 risiede nel suo splendido modello di guida, che permette ai giocatori di scegliere fra tre livelli di simulazione: dal più semplice per i principianti al più realistico dedicato ai piloti esperti. Grazie al ritorno del Tarmac System, inoltre, l’aderenza in pista cambia nel corso delle gare, migliorando sulla traiettoria ideale e, sulle piste bagnate, asciugando progressivamente l’asfalto nelle zone più battute.

A causa dei problemi che affliggono il PlayStation Network non abbiamo purtroppo avuto modo di testare il multiplayer su PlayStation 3. Il punteggio assegnato al gioco online, dunque, non tiene conto delle valutazioni relative alla piattaforma Sony. In ogni caso, le modalità proposte sono le stesse di SBK X, ovvero Gara Veloce e Campionato.

SBK 2011, quindi, non si distingue particolarmente dal predecessore SBK X. Se siete già in possesso del capitolo precedente e pensate che le poche novità introdotte valgano l’acquisto, sappiate che vi troverete ancora una volta fra le mani il miglior gioco di motociclismo attualmente in circolazione.