Apple: assunzioni VIP per un progetto TV

Apple assume Jean-François Mulé, esperto di tecnologie via cavo per il consorzio CableLab, per un misterioso progetto probabilmente collegato ad Apple TV.
Apple assume Jean-François Mulé, esperto di tecnologie via cavo per il consorzio CableLab, per un misterioso progetto probabilmente collegato ad Apple TV.

Apple assume uno dei più famosi top executive dell’industria delle tecnologie via cavo e sul Web montano le speculazioni. È quanto è successo nell’apprendere da LinkedIn come Jean-François Mulé, ex vicepresidente senior dello sviluppo tecnologico di CableLabs, lavori a Cupertino dallo scorso settembre. Alla base vi sarebbe un misterioso progetto – “qualcosa di grande” – inerente la TV di Cupertino.

Il nome non dirà nulla al visitatore di passaggio, ma pare che Mulé sia una sorta di VIP – se così lo si può definire – nel suo settore. CableLabs è un consorzio di provider via cavo per la realizzazione di tecnologie TV all’avanguardia, dove Mulé è stato certamente un personaggio di spicco. Sua gran parte della definizione del progetto DOCSIS 3.0, uno standard per l’invio di dati a banda larga sulle connessioni via cavo televisive, così come le API per tutte le applicazioni cosiddette “second screen”. In Apple, ha assunto il ruolo di Engineering Director e dal profilo su LinkedIn si apprende come si senta parte di un grande progetto.

Fare predizioni è molto difficile, anche perché non è dato sapere di cosa si stia occupando l’esperto in quel di Cupertino, tuttavia in molti indicano Apple TV – o forse un futuro televisore Apple – come i destinatari del suo impegno. Il fatto che la Mela stia cercando di stringere nuovi accordi con i fornitori di contenuti televisivi non è di certo un segreto, basti pensare ai recenti aggiornamenti proprio su Apple TV, ma vi sarebbe qualcosa di ancora più esteso in programma.

Secondo i ben informati, Apple sarebbe orientata alla produzione di una Apple TV – o di un set-top-box analogo – che sia in grado anche di gestire la TV via cavo, oltre che a servizi di streaming integrati e a feature prettamente televisive collegate a iCloud e iOS. La definizione è alquanto generica, ma si parla di un ambiente digitale coerente e coeso dove, senza alcuno sforzo, l’utente possa avere accesso ai canali televisivi preferiti, ai contenuti in download e noleggio di iTunes Store, a specifiche applicazioni di App Store e al backup su iCloud e iOS, come ad esempio la registrazione di un evento, il salvataggio di guide TV, promemoria e quant’altro. Se così davvero forse, si tratterebbe di un’iniziativa esclusivamente a stelle e strisce, considerato come la TV via cavo non sia particolarmente diffusa fuori dai confini statunitensi.

Ti consigliamo anche

Link copiato negli appunti