Wimax, giornata sette

La settima giornata di miglioramenti competitivi ha comportato una sola uscita dalla competizione e 15 gruppi ancora attivi nella gara per aggiudicarsi le ambite frequenze Wimax. L'asta è ormai giunta a +150% del valore della base d'asta iniziale
La settima giornata di miglioramenti competitivi ha comportato una sola uscita dalla competizione e 15 gruppi ancora attivi nella gara per aggiudicarsi le ambite frequenze Wimax. L'asta è ormai giunta a +150% del valore della base d'asta iniziale

Settima giornata di miglioramenti competitivi per l’attribuzione delle licenze Wimax sul mercato italiano. Come di consueto il Ministero delle Comunicazioni a fine giornata ha diramato i risultati della giornata indicando l’aumento della cifra complessiva e registrando i gruppi dileguatisi tra le varie fasi di rilancio.

Recita il bollettino di giornata (estesasi per l’occasione su 6 diverse tornate di rilancio): «Alla fine della giornata, la cifra complessiva raggiunta dalla gara è stata pari a euro 123.000.000 circa, con un incremento del 150% rispetto agli iniziali valori della base d’asta. In particolare nella giornata odierna si è registrato un incremento, rispetto all’ultima tornata, di euro 10.000.000 milioni».

Le aree di gara risultano essere ancora tutte attive, 15 i partecipanti ancora in gara. Unico abbandono della giornata è quello della Media P.A.

La prossima giornata di miglioramenti competitivi, l’ottava, è prevista per martedì 26 febbraio, ore 10.30. Ogni dettaglio sulle cifre offerte è contenuto nel riassunto distribuito dal ministero nell’apposito file pdf. L’unica certezza al momento è nell’importante cifra raggiunta dall’asta, segno inequivocabile dell’importanza della tecnologia Wimax nella realizzazione di particolari ponti di connettività sul particolare territorio del nostro Bel Paese.

Ti consigliamo anche

Link copiato negli appunti