STARTUP BUS NEWS
QR code per la pagina originale

ULL e Wholesale: cosa sono e quali conviene fare

,

La prima cosa che chiedono gli utenti dei forum quando dite di avere un problema con una certa compagnia che non sia Telecom è questa: “Sei in ULL oppure in wholesale?”. Molti utenti non sanno che cosa significhi e cosa comporti questa classificazione delle adsl, ma è una caratteristica essenziale soprattutto quando si parla di assistenza e qualità delle connessioni.

Prima di tutto bisogna spiegare che la quasi totalità delle reti di telecomunicazione in Italia sono di proprietà della Telecom. Nonostante queste siano un bene pubblico la Telecom le ha comprate ai tempi della privatizzazione della compagnia che un tempo si chiamava SIP e ora ne è proprietaria.

ULL è l’acronimo di Unbundling Local Loop (tradotto letteralmente significa accesso disaggregato alla rete locale) ed è un contratto che i provider italiani fanno con la Telecom che permette loro di affittare quello che viene chiamato ultimo miglio di cavi telefonici, ovvero quello che va dalla centrale telefonica fino alla casa del cliente. Con questo tipo di contratto il provider con il quale si fa il contratto è totalmente responsabile di malfunzionamenti e prestazioni della ADSL.

Nelle connessioni in wholesale (letteralmente all’ingrosso) i providers comprano le adsl dalla Telecom e le rivendono esattamente così come gli viene consegnata. In pratica le connessioni in wholesale hanno le stesse caratteristiche di una connessione Telecom (vedi Alice ADSL) prezzo compreso, solo che vengono fornite da un altro provider. Il costo di una connessione all’ingrosso è di circa 14 euro al mese.

Avere un’adsl in Wholesale o Ull non fa nessuna differenza fino a quando non si presentano dei malfunzionamenti nella linea. Con una connessione wholesale è il provider che si prende le lamentele del cliente ma allo stesso tempo è la Telecom che deve mandare il tecnico a risolvere il problema. Dunque la procedura è più lunga e questo significa più tempo, si passa dal cliente al provider il quale ha il compito di contattare la Telecom.

Come potete immaginare la Telecom non ha grossi vantaggi ad essere celere nel risolvere le problematiche dei clienti di altri provider (e magari fargli fare bella figura) ma ovviamente deve rispettare un contratto firmato con il provider che compra l’adsl all’ingrosso.

Per questo motivo più volte viene consigliato di scegliere una connessione Alice piuttosto che una connessione di un altro provider in Wholesale.

Commenta e partecipa alle discussioni
  • 08/03/2007 alle 12:24 #137513

    Walter Spanu
    Membro
    17/03/2007 alle 11:10 #157532

    Blade
    Membro

    una cosa molto giusta. per avere la connessione in whosale è preferibile optare per la telecom, ammenochè non si riesca con un altro operatore ma in ULL

    17/03/2007 alle 17:32 #157533

    Munkypot
    Membro

    Il problema è che il fornitore del servizio non ti informerà mai sulla tipologia dell’ADSL.

    Purtroppo spesso chi si occupa delle vendite è poco o male informato su quello che sta vendendo.

    Anche perché spesso queste attività vengono cedute dalle società di telecomunicazioni a ditte che *dovrebbero* essere specializzate nella gestione di call center.

    Purtroppo molte di queste assumono selvaggiamente con contratti che non permettono una formazione professionale.

    Ne risulta da parte di tutte le società una gestione pessima del rapporto con l’utente.

    Inoltre nessuna società avrebbe interesse a comunicare al cliente che nella sua zona non esistono apparati e, de facto, l’adsl che verrà attivata sarà al pari di una Alice finchè il numero di richieste per zona non giustifica l’acquisto di strutture dedicate, utilizzabili per fornire il servizio in Shared Access (ULL) anzichè in Wholesale

    01/04/2007 alle 12:32 #157534

    Igor
    Membro

    Avevo sentito tempo fa la telecom aveva intenzione di alzare il prezzo delle adsl solo dati. Alcune aziende infatti hanno aumentato il prezzo della loro adsl ma altre no, come mai?

    01/04/2007 alle 15:50 #157535

    Walter Spanu
    Membro

    Le aziende che hanno aumentato il prezzo lo hanno in previsione che la telecom lo facesse. Se non ricordo male si aspetta la decisione dall’ AGCOM su questo fatto e se dovesse vincere la telecom, i provider dovrebbero pagare anche tutti i mesi arretrati.
    Per questo alcuni provider per non rischiare di falline hanno deciso di aumentare subito i prezzi per avere i fondi per eventualmente pagare la telecom.
    Bisogna vedere come si comporteranno questi provider nel caso dovessero invece vincere e loro.

  • Ci sono altri 9 commenti. Leggili nelle Discussioni di Webnews.