QR code per la pagina originale

I bambini vogliono gli ebook, i genitori no

Secondo una ricerca dell'editore Scholastic, sempre più bambini sono interessati all'uso di dispositivi digitali per leggere. Di diverso avviso, invece, i genitori

,

Se gli ebook avranno successo sarà, probabilmente, grazie ai bambini. Sembra, infatti, che i giovani nativi digitali preferiscano i supporti tecnologici di questo tipo, considerati più divertenti. Peccato che non tutti i genitori sarebbero d’accordo con la rivoluzione digitale. Questa è la conclusione dei risultati raccolti da Scholastic, l’editore che si è aggiudicato i diritti per l’america di Harry Potter.

Dopo aver coinvolto oltre 2.000 bambini e adolescenti dai 6 ai 17 anni e i relativi genitori nel sondaggio, l’editore americano ha osservato i cambiamenti tecnologici, rilevando che i genitori e gli educatori sono da tempo spaventati del fatto che dispositivi come videogiochi e cellulari possano allontanare i figli dalla lettura. Tuttavia proprio le nuove tecnologie potrebbero introdurre i bambini verso un approccio alla lettura, attraverso i computer, i dispositivi mobili ed infine gli ebook.

Circa il 25% dei bambini intervistati ha dichiarato di aver letto un libro su un dispositivo digitale (computer/ebook), mentre molti altri sarebbero interessati a farlo. Il 6% dei genitori possiede un ebook, mentre il 16% sarebbe interessato ad acquistarlo.

Secondo Francie Alexander, questo cambiamento è una specie di chiamata al’azione: «Non mi rendevo conto di quanto i bambini avessero abbracciato le tecnologie. Chiaramente essi le vedono come strumenti per la lettura e non solo per i giochi. Le considerano un’opportunità per leggere».

Di diverso avviso molti genitori, preoccupati che la lettura dei figli possa essere troppo superficiale, oppure che essi passino ancora più tempo sui dispositivi digitali. Ma dallo studio emerge anche un dato illuminante: i bambini nella fascia d’età tra 9 e 11 anni hanno più probabilità di leggere se i loro genitori li forniscono di libri ed impongono dei limiti all’uso della tecnologia per il gioco. Infine, un dato allarmante: il 39% dei bambini considera le fonti trovate su Internet “sempre corrette”.

Sarà ben contenta Amazon.com, che offre il suo lettore di ebook Kindle: il mercato è in continua crescita, anche se ci sono ancora forti sacche di resistenza. Sono in molti, infatti, coloro che ancora non hanno la possibilità economica di accedere ad un lettore di ebook e la resistenza psicologica al passaggio ne sconsiglia pertanto l’acquisto. In questo senso Amazon ha già risposto avviando decise politiche di riduzione dei prezzi: l’ultima versione di Kindle costa circa 139 dollari, una cifra decisamente inferiore a dispositivi quali i tablet PC.

Photo credit: Andrew Mason