QR code per la pagina originale

Desktop Search: Yahoo! all’inseguimento di Google

Così come nell'ambito mail, così come con l'indice, così come nel settore desktop search: Google fugge ma Yahoo! insegue, rilanciando colpo su colpo alle offensive della concorrenza. Disponibile a titolo gratuito il nuovo Yahoo! Desktop Search.

,

Yahoo! insegue ancora: estesa la capacità della casella di posta per osteggiare Gmail, moltiplicata l’indicizzazione per osteggiare gli 8 miliardi di pagine dell’archivio Google, ora il secondo tra i motori di ricerca più utilizzati sul web rilancia anche nel settore della ricerca sul desktop. E’ pronto, infatti, Yahoo! Desktop Search, con il gruppo che va ad affiancare i rivali Google e Microsoft in un ambito da vari analisti identificato come strategico per il prossimo futuro.

Il nuovo prodotto è offerto da Yahoo! in collaborazione con la piccola X1 Technologies, ma i reali rapporti commerciali intercorrenti tra i due gruppi non sono stati resi noti. Il motore, oltre ad essere ovviamente relazionato alla ricerca web offerta da Yahoo!, è in grado di indicizzare oltre 200 diversi tipi di file residenti nell’hard disk, ivi compresi immagini, PDF, mail, allegati e file musicali. La sola limitazione imposta all’indicizzazione dei messaggi e-mail è il vincolo a prodotti quali Outlook ed Outlook Express (dettaglio importante: mentre la precedente esperienza X1 comprendeva anche client quali Eudora e Netscape Mail, l’attuale offerta Yahoo! esclude tali possibilità non legate al mondo Microsoft).

Da segnalare inoltre come il tool Yahoo! permetta la ricerca anche di parole parziali (estendendo dunque le facoltà di ricerca offerte all’utente), mentre un importante lavoro di differenziazione rispetto alla concorrenza va segnalato in ambito RSS. Yahoo! Desktop Search prevede inoltre una forte interazione con software quali browser e client mail.

Lo strumento è disponibile in beta release sul sito ufficiale, ma il direttore Yahoo! Bradley Horowitz già promette come il pacchetto oggi disponibile costituisca semplicemente il primo passo di un percorso per il quale sono già previsti prossimi aggiornamenti.