14 anni per il ladro di carte di credito

Approfittando della propria posizione di impiegato presso la Teledata Communications, l’inglese Philip Cummings (35 anni di età e 182 Kg di peso) aveva rubato dati relativi a migliaia di carte di credito. La sentenza è inflessibile: 14 anni di carcere.

Rubava i dati per accedere a carte di credito e vendeva tali dati online per ottenerne un cospicuo ritorno economico: il responsabile, il 35enne Philip Cummings, ha ottenuto 14 anni di pena detentiva dal giudice distrettuale George Daniels a causa delle 30.000 carte di credito defraudate.

Cummings, inglese, poteva accedere ai dati grazie al proprio lavoro presso la Teledata Communications (azienda che gestisce archivi di conservazione dati relativi a carte di credito): una volta ottenuti i dati, i vari account erano rivenduti al costo di 30 dollari su un apposito network ove poi le carte di credito venivano sfruttate per operare acquisti.

Il danno apportato dalla truffa (operata a cavallo tra il 1999 ed il 2000) ammonta a circa 50-100 milioni di dollari e con la continuazione del processo dovranno ancora essere verificati eventuali ulteriori responsabilità, nonchè la quantificazione del risarcimento che il responsabile è tenuto a versare alle vittime dell’operazione truffaldina.

Va segnalata la particolare inflessibilità del giudice Daniels il quale ha respinto le richieste della difesa ignorando i 182Kg di peso di Philip Cummings ed attribuendo i problemi dell’imputato più al peso delle accuse che alle sue 400 libbre di massa.

Ti potrebbe interessare