QR code per la pagina originale

Verisign: vicino il prolungamento con l’ICANN

L'analisi valutativa che l'ICANN ha richiesto circa i contendenti per l'appalto sulla gestione dei domini .net vede Verisign in vantaggio sul rivale SentanRegistry (attuale gestore dei .biz). Per Verisign molte critiche ma conferma vicina

,

Verisign si avvia a rinnovare il contratto che lega il gruppo all’ICANN tramite l’appalto sulla gestione dei domini .net. Verisign si trova infatti, dopo un periodo caratterizzato da non pochi contrasti con l’Internet Corporation For Assigned Names and Numbers, in posizione di vantaggio rispetto alla concorrenza in vista del rinnovo del contratto in scadenza al 30 Giugno 2005.

Verisign si ritrova infatti ad aver ottenuto la miglior valutazione di Telcordia (azienda alla quale è stata affidata l’analisi oggettiva delle proposte dei gruppi concorrenti): «14 blue» il voto ottenuto dal gruppo nei criteri di alta priorità, appena due punti di vantaggio rispetto al gruppo SentanRegistry (attuale assegnatario dei domini .biz e .jp). Tagliate fuori dalla battaglia Afilias Limited, CORE++ e DENIC Domain.

I domini .net sono attualmente 5 milioni e gestirne il registro significa gestire il quarto dominio più diffuso al mondo (dopo i .com, .de, .uk). In molti avevano auspicato senza troppo riserve ad una sconfitta di Verisign perchè il gruppo, già assegnatario del controllo sui .com, ha accumulato una influenza troppo pesante sulla gestione dei domini a livello mondiale. Le bizze relative al caso SiteFinder avevano inoltre messo l’ICANN e Verisign in posizioni opposte e la battaglia si è a suo tempo spostata anche in campo legale.

Il report Telcordia (criticato da più parti per alcuni potenziali conflitti di interesse emersi), pur evidenziando il vantaggio Verisign, sottolinea come il distacco della seconda classificata «non sia statisticamente significativo». Inoltre, notifica ancora Telcordia, tutti i candidati sono potenzialmente in grado di gestire il registro.