Reuters investe nei blog di BlogBurst

Reuters ha acquisito una partecipazione in Pluck per poter avere accesso ai contenuti della blogosfera di BlogBurst. L’investimento ammonta a 7 milioni di euro e caratterizza un frammento della nuova strategia nel ‘social media’ della nota agenzia

Reuters ha acquisito una partecipazione in Pluck, gruppo avente il controllo sulla «più grossa rete di distribuzione blog del mondo» BlogBurst. L’investimento è destinato a far discutere per il grande significato che determina in un momento come questo in cui è quanto mai vivo l’interesse per le evoluzioni del rapporto tra informazione tradizionale e blogosfera. Reuters è chiara fin dal principio: l’obiettivo è quello di «distribuire blog in tutto il mondo come parte della sua nuova strategia media».

Dave Panos, CEO Pluck

Dave Panos, CEO Pluck

Recita il comunicato emesso: «Pluck gestisce la più grossa rete di distribuzione blog del mondo, chiamata BlogBurst, che collega quotidiani ed altri siti di media a 2.800 blog selezionati, contribuendo a consentire ai media tradizionali di integrare il loro giornalismo con opinioni dei blog. I web log, o blog, sono diventati una delle fonti principali di commenti e reazioni dei lettori su Internet. I media tradizionali si stanno rivolgendo sempre più ai blog per approfondimenti e analisi. Come fornitore di testi, immagini e notizie video, Reuters prevede di offrire il servizio di BlogBurst di Pluck di distribuzione blog a migliaia dei suoi clienti media in tutto il mondo». L’investimento dichiarato è di 7 milioni di dollari.

BlogBurst ha già oggi importanti riferimenti nel mondo dell’informazione quali gli americani Washington Post, USA Today e San Francisco Chronicle o l’inglese The Guardian. «Quel che fornisce questo accordo è una versione stampata e moderata di quanto sta accadendo nel mondo dei blog», parola di dice Chris Ahearn, presidente della divisione Reuters Media: «il nostro punto di vista generale è che la notizia è la notizia, sia che venga scritta da giornalisti professionisti o da commentatori di blog […]. Non siamo dell’opinione che ci sia un solo punto di vista al quale dare affidamento e che quello l’abbiamo noi».

BlogBurst si felicita dell’accordo sottolineando l’enorme portata dell’evento per la visibilità dei contenuti veicolati dai propri blog (Reuters fornisce informazioni a migliaia di riferimenti in tutto il mondo). Nell’accordo potrebbe rientrare inoltre SiteLife, «pacchetto di servizi Web per editori media e reti televisive per aggiungere funzioni interattive ai loro siti», altro servizio sotto il controllo di Pluck.

Ti potrebbe interessare