nVidia GPU G84 e G86

Oggi nVidia ha rivelato nuovi dettagli sulle tre nuove schede Direct-X 10 e Shader Model 4.0 di cui già abbiamo parlato, confermandone la compatibilità con lo SLI e il supporto della tecnologia PureVideo, che consente una riproduzione di filmati ad alta risoluzione con un utilzzo minimo della CPU centrale e l’adozione di un discreto numero

Oggi nVidia ha rivelato nuovi dettagli sulle tre nuove schede Direct-X 10 e Shader Model 4.0 di cui già abbiamo parlato, confermandone la compatibilità con lo SLI e il supporto della tecnologia PureVideo, che consente una riproduzione di filmati ad alta risoluzione con un utilzzo minimo della CPU centrale e l’adozione di un discreto numero di filtri per una riproduzione ancora più limpida.

Le tre schede, basate sulle GPU G84 e G86, consentono la riproduzione di MPEG2 e WMV High Definition, basati sulle risoluzioni dello standard 1080p.

Le chiavi per la decriptazione HDCP non saranno però incluse direttamente nella GPU ma potranno essere aggiunte tramite una EEPROM esterna a discrezione dei partner nVidia che distribuiranno le schede.

In questo scenario, in cui ancora non si sa tutto sull’attuale generazione di schede video, giunge la notizia appresa da X-Bit Labs che nella nuova versione del kit per sviluppatori SDK 10, rilasciato da nVidia la scorsa settimana, sarebbero presenti delle istruzioni per lo Shader Model 5.0.

La precoce inclusione di tale set di istruzioni ci fa pensare a un rapido tramonto della generazione di schede che sta per essere immessa sul mercato, tanto che la rivista on-line Fudzilla prevede il lancio della successiva generazione di schede già per la fine di questo anno.

Sempre da Fudzilla si apprende che nVidia sta già lavorando, infatti, a due nuove GPU: una prima, dal nome in codice G90, evoluzione dell’attuale G80 e una totalmente nuova dal nome in codice G100.

Ti potrebbe interessare
Allarme PDF, Adobe promette di intervenire
Software e App

Allarme PDF, Adobe promette di intervenire

Adobe ha confermato il problema di sicurezza segnalato nei giorni scorsi dal ricercatore Didier Stevens: una potenzialità dei file PDF si è trasformata in un rischio ed ora il gruppo sta vagliando come intervenire per garantire la sicurezza degli utenti

American Express sfida i pagamenti online
Carte di credito

American Express sfida i pagamenti online

American Express ha stanziato 300 milioni di dollari per l’acquisizione della Revolution Money, azienda che apre alla carta di credito la via dei pagamenti elettronici, delle transazioni online e delle carte pre-pagate. L’operazione si chiuderà nel 2010

Nintendo vale più di Sony
Business Intrattenimento

Nintendo vale più di Sony

Gli ultimi movimenti di borsa hanno segnato il sorpasso del valore di mercato su Sony dell’azienda che per prima diede vita ad un mercato videoludico casalingo: il successo di Wii sulla PS3 è la causa principale della nuova capitalizzazione