Soluzioni audio esterne: professionali e non

Spesso l’insufficienza del sistema audio integrato può dettare l’esigenza dell’installazione di una scheda audio professionale, soprattutto nel caso dei portatili dove il sistema analogico di base risulta abbastanza carente. Una seconda scheda audio è utile però anche in ambienti professionali, dove più che le migliori performance, di cui sicuramente già si dispone, interessa il poter

Spesso l’insufficienza del sistema audio integrato può dettare l’esigenza dell’installazione di una scheda audio professionale, soprattutto nel caso dei portatili dove il sistema analogico di base risulta abbastanza carente.

Una seconda scheda audio è utile però anche in ambienti professionali, dove più che le migliori performance, di cui sicuramente già si dispone, interessa il poter passare rapidamente da una sorgente all’altra nel minor tempo possibile.

In entrambi i casi la soluzione ideale è rappresentata da schede audio USB, rapide da installare e da rimuovere all’occorrenza.

Per chi non ha particolari esigenze sono disponibili dei semplici dongle USB, da poter portare sempre con se nel taschino, ridottissimi dal punto di vista dello spazio ma non sufficientemente professionali, facili da trovare a pochi euro anche su ebay.

Questi dongle dispongono di un’uscita analogica, che può essere successivamente convertita in digitale tramite un ulteriore decoder esterno e di un ingresso microfono, mentre nativamente arrivano a supportare un sound 3D di tipo virtuale nonchè i vari standard Xear 3D, CRL 3D, EAX 2.0, DirectSound 3D, e AC-3.

Per chi invece desidera qualcosa di professionale, note aziende del settore mettono a disposizione dei veri e propri pre-amp USB, come il Digital Music SX di Creative Labs, azienda leader inventrice della Sound Blaster, la scheda audio più famosa al mondo.

Il Digital Music SX è una piccola stazione audio, dotata di numerosi I/O ai quali poter collegare qualsiasi tipo di sorgente e che riesce a funzionare anche da pre-amp a PC spento. Infatti, dotato di un alimentatore esterno, il Digital Music SX può essere utilizzato indipendentemente dal PC per l’ascolto di audio derivante da sorgenti esterne e può essere comandato anche a distanza grazie al telecomando in dotazione.

Ti potrebbe interessare
Su Chrome i pulsanti ufficiali di Facebook e Google+
Google+

Su Chrome i pulsanti ufficiali di Facebook e Google+

Novità sul Chrome Web Store: Facebook ha reso disponibile sul marketplace un’app che consente di condividere, attraverso un pulsante universale, pagine e contenuti vari presenti sul proprio social network attraverso il popolare browser di Google. In tal modo, offre all’utenza Chrome una comoda scorciatoia per pubblicare, commentare, etichettare con un “Mi piace” una determinata pagina

Telecom Italia presenta Nuvola It Virtual Desktop, il servizio cloud per le aziende
Prezzi e tariffe

Telecom Italia presenta Nuvola It Virtual Desktop, il servizio cloud per le aziende

Telecom Italia ha annunciato l’ampliamento dei suoi servizi avanzati basati sul cloud compunting per l’utenza aziendale introducendo “Nuvola It Virtual Desktop“. Questa nuova soluzione è del tutto innovativa, perché per la prima volta verrà messa a disposizione dei dipendenti o dei collaboratori aziendali una piattaforma che permetterà di accedere alle applicazioni e ai servizi dell’azienda

I programmi della CBC su BitTorrent
Prezzi e tariffe

I programmi della CBC su BitTorrent

La televisione pubblica canadese (CBC), ha iniziato a trasmettere i suoi programmi nel circuito BitTorrent, senza le restrizioni previste dal DRM.Questa procedura, inizialmente, sarà limitata solamente alla trasmissione Canada Next Great Prime Minister, che non è altro che un reality show (tipologia di trasmissione molto conosciuta anche in Italia), ma probabilmente sarà poi estesa ad

Papa Benedetto XVI è già senza dominio
Web e Social

Papa Benedetto XVI è già senza dominio

Rogers Cadenhead è colui che il 1° Aprile aveva già registrato il dominio .com relativo al nome del nuovo Pontefice Benedetto XVI. In Italia la ressa è scoppiata solo dopo l’habemus Papam ed al momento ancora non si sa chi si sia aggiudicato il .it