Novità da ATI, prime indiscrezioni su R600

Dopo tanto parlare di nVidia, finalmente qualche novità anche dal fronte ATI.La prima fonte è la rivista cinese pcinflie, la GPU una RV630 e la scheda una Radeon HD 2600XT con 256Mb di GDDR4.Il processo produttivo è a 65nm e dai test effettuati in HD 1080p si è notato che la CPU centrale si affaticava

Dopo tanto parlare di nVidia, finalmente qualche novità anche dal fronte ATI.

La prima fonte è la rivista cinese pcinflie, la GPU una RV630 e la scheda una Radeon HD 2600XT con 256Mb di GDDR4.

Il processo produttivo è a 65nm e dai test effettuati in HD 1080p si è notato che la CPU centrale si affaticava giusto del 5%, un valore realmente irrisorio che ha dimostrato le ottime capacità di decodifica HD della GPU.

Una seconda fonte, il sito TechOne HDTV che sostiene invece di averla addirittura testata e confrontata, su di un sistema con CPU Intel X6800 e 2Gb di DDR2 a 800Mhz, a una GeForce 8600GTS e i risultati delle due schede su 3Dmark06, 3Dmark05 e FEAR risultano incredibilmente simili:

3Dmark06

  • Radeon HD 2600XT – 5760 marks
  • GeForce 8600GTS – 5900 marks

3Dmark05

  • Radeon HD 2600XT – 11652 marks
  • GeForce 8600GTS – 11500 marks

FEAR (1600×1200)

  • Radeon HD 2600XT – 29 fps
  • GeForce 8600GTS – 29 fps

Infine, la rivista Fudzilla ha fotografato la scheda ponendo particolare attenzione sul sistema di raffreddamento di tipo Heatpipe dalla base alluminea, che è stato anche rimosso per ammirare la GPU, particolarmente grossa rispetto a quelle che siamo abituati a vedere.

Ti potrebbe interessare
Il bigrigio, quando il telefono era un disco

Il bigrigio, quando il telefono era un disco

In principio era la SIP, ovvero la Società Italiana per l’Esercizio Telefonico, nata nel 1967 e divenuta nel 1985 Società Italiana per l’Esercizio delle Telecomunicazioni. Il nome SIP evoca tanti ricordi, come il monopolio della telefonia e come il mitico telefono a disco.Il bigrigio, chiamato così proprio perché era bigrigio, prodotto dalla FATME, ci riporta

Da oggi cambio il monitor al mio telefonino
Google

Da oggi cambio il monitor al mio telefonino

Un titolo bizzarro per una proposta ancora più bizzarra, si tratta infatti ancora di un concept, di un’invenzione che magari non avrà mai seguito né successo ma potrebbe essere interpretata sotto altri punti di vista e risultare un’idea geniale.Stiamo parlando dell’invenzione del “designer giapponese” Marimo-san, che ha creato e pensato un telefono che permette di