Di quanta corrente ho bisogno?

Di recente abbiamo notato l’uscita di alimentatori con potenza sempre più elevata, fino a giungere a 1KWatt, come nel caso dell’Enermax Galaxy 1000w.Ciò che però non è molto chiaro è se tale potenza sia realmente necessaria e, nei casi specifici, come fare a regolarsi nella scelta dell’alimentatore.Per avere un punto di riferimento, proviamo a fare

Di recente abbiamo notato l’uscita di alimentatori con potenza sempre più elevata, fino a giungere a 1KWatt, come nel caso dell’Enermax Galaxy 1000w.

Ciò che però non è molto chiaro è se tale potenza sia realmente necessaria e, nei casi specifici, come fare a regolarsi nella scelta dell’alimentatore.

Per avere un punto di riferimento, proviamo a fare un calcolo approssimativo basandoci su di una configurazione al massimo delle prestazioni attualmente consentite, ovvero, prendiamo per esempio un processore Intel Core 2 Duo o un AMD Athlon64 X2 che consumano, al massimo delle loro prestazioni, 65watt circa, prendiamo poi una scheda video dalle alte prestazioni, come una GeForce 8800 GTX che consuma circa 135watt mentre tutti gli altri componenti come: Hard Disk, masterizzatori, lettori DVD e ventole varie consumeranno al massimo altri 100watt.

Facendo un conto, quindi, abbiamo virtualmente assemblato un sistema, dalle elevate prestazioni, che non richiederà più di 300watt e pur volendo aggiungere una seconda scheda video per ottenere un sistema SLI e altri Hard Disk in ogni caso sarà molto difficile superare i 550watt.

Più che puntare a una potenza elevata, quindi, bisognerebbe interessarsi ad altre caratteristiche, quali per esempio la temperatura di esercizio e l’efficienza, ma soprattutto la marca.

Infatti, è molto facile ritrovarsi tra le mani alimentatori di case sconosciute di una potenza dichiarata che in realtà è molto superiore rispetto a quella effettiva, ciò perchè la potenza dipende molto dalla temperatura di esercizio, quindi i valori dichiarati non sempre sono attendibili.

La cosa più saggia da fare, anche perchè è l’unica in quanto risulta molto difficile verificare nella pratica la qualità di un alimentatore, è quella di affidarci a marche di qualità e in caso di dubbi, verificare tramite Google la presenza di qualche prova tecnica su siti del settore che potranno confermare le nostre scelte.

Infine, considerato che a una più elevata potenza corrisponde anche un più elevato consumo, possiamo dire che l’efficienza, misurata in percentuale, sarà la quantità di corrente che da AC viene convertita in DC, quindi maggiore sarà l’efficienza, minore sarà la quantità di corrente buttata… e questo è un altro fattore da non sottovalutare.

Ti potrebbe interessare
ClamCase per iPad: un dispositivo veramente utile?
Imaging

ClamCase per iPad: un dispositivo veramente utile?

La presentazione di ClamCase ha generato parecchi dubbio sulla sua effettiva utilità. Si tratta, essenzialmente, di un sistema composto da tastiera Bluetooth, supporto e scocca per iPad, che trasforma il tablet di Apple in un dispositivo del tutto simile ai normali netbook. Di seguito, il video promozionale rilasciato dall’azienda produttrice.

Nuova serie di lettori multimediali Archos
Imaging

Nuova serie di lettori multimediali Archos

In occasione del CeBIT 2010, Archos ha presentato ben cinque nuovi modelli di lettori multimediali, ognuno dei quali caratterizzato da specifiche differenti. Vision A30VC, A24VB, A18VB, A15VS e A14VG sono i protagonisti del video in streaming di seguito, realizzato nei padiglioni dell’evento di Hannover.

Le migliori cuffie al mondo al prezzo di 6910 dollari
Gadget e Device

Le migliori cuffie al mondo al prezzo di 6910 dollari

È ovviamente un impianto per veri e soprattutto facoltosi amatori dell’audio di qualità quello presentato da Woo Audio che contempla un bel paio di cuffie e un amplificatore di grandissima qualità.Il WES (WooAudio Electrostatic Headphone Amplifiier) si propone come il miglior impianto al mondo per qualità e… per prezzo, cosa che ovviamente ne limita la

Telecom Italia Mobile diventa registrar .mobi
Web e Social

Telecom Italia Mobile diventa registrar .mobi

TIM è il primo operatore mobile che inizierà a vendere domini .mobi. L’autorizzazione è giunta a seguito di una partnership con il dotMobi e porterà il gruppo italiano a vendere domini, hosting e servizi per la creazione di siti web accessibili

Google: qualche pezzo open source
Software e App

Google: qualche pezzo open source

Non aprirà completamente il proprio codice, ma in parte sarà disponibile operare sulle potenzialità del motore di ricerca costituendone una piattaforma disponibile per nuove applicazioni: Google intende mostrare parte del proprio sorgente.