Dell potrebbe cambiare le strategie di distribuzione

Fino a ora la strategia di distribuzione di Dell era molto semplice, gli ordini potevano essere effettuati solo online escludendo quindi il passaggio attraverso intermediari di qualsiasi tipo. In questo modo Dell si è sempre occupata personalmente della distribuzione dei propri prodotti e questo le ha permesso di fornire un offerta altamente personalizzabile.Se vi fate

Fino a ora la strategia di distribuzione di Dell era molto semplice, gli ordini potevano essere effettuati solo online escludendo quindi il passaggio attraverso intermediari di qualsiasi tipo. In questo modo Dell si è sempre occupata personalmente della distribuzione dei propri prodotti e questo le ha permesso di fornire un offerta altamente personalizzabile.

Se vi fate un giro sul sito del produttore americano noterete come sia un incrocio fra sito di e-commerce, vetrina espositiva e supporto tecnico dei propri prodotti. Questo approccio però ha dei lati negativi, in primo luogo difficilmente troverete dei prodotti Dell esposti nei classici negozi, poi c’è da considerare l’assistenza post vendita, che viene fornita solo per telefono o via internet eliminando quindi il contatto umano e allungando i tempi per la risoluzione dei problemi.

Benché questo modello di business stia guadagnando sempre maggiori consensi, il grosso dei volumi di vendita, specialmente in Italia e in altri paesi dove l’e-commerce stenta a decollare, è ancora in mano alle grosse catene di distribuzione.

Se a questo si unisce il calo di vendite dello scorso anno fiscale, non deve stupire che Dell stia valutando un “ritorno alle origini” per il suo sistema di distribuzione.

Attualmente il target di Dell infatti si limita ai soli professionisti e alle persone che abbiano dimestichezza con la scelta dei componenti base di un computer e con il commercio elettronico.

Ti potrebbe interessare
Google annuncia le API di Google+
Google+

Google annuncia le API di Google+

Anche se forse non avrà i numeri di Facebook, Google+ ha comunque attirato diversi milioni di utenti. Il compito dell’azienda di Mountain View è ora quello di far aumentare la permanenza sul sito ed è per questo che ha pubblicato le prime API per gli sviluppatori. Le applicazioni e i giochi, così come accaduto per

Giochi pirata su Console: 60.000 mod chip sequestrati dalle Fiamme Gialle

Giochi pirata su Console: 60.000 mod chip sequestrati dalle Fiamme Gialle

I mod chip sono dispositivi che permettono l’installazione di videogiochi non originali sulle console, eludendo le misure di protezione implementate dai produttori.La Guardia di Finanza di Pordenone ha presentato i risultati di un’indagine svolta per contrastare la pirateria videoludica e denominata Operazione Mod Over.L’attività investigativa ha portato all’identificazione di un quarantenne di Barletta che, attraverso

Motorola Flipout: Android 2.1 e Motoblur in formato quadrato
Google

Motorola Flipout: Android 2.1 e Motoblur in formato quadrato

Tempo fa erano circolate voci circa uno smartphone dal formato quadrato con tastiera QWERTY targato Motorola. Oggi quelle voci trovano finalmente un riscontro in quello che dovrebbe essere il nuovo Motorola Flipout.Avvistato per la prima volta in Brasile, il nuovo dispositivo sarà dotato di sistema operativo Android 2.1 con la famosa interfaccia Motoblur già vista

Piper Jaffray: deludenti le vendite di iPhone in Cina
Apple

Piper Jaffray: deludenti le vendite di iPhone in Cina

In questi giorni, vi avevamo dato notizia delle difficoltà di Cupertino nel piazzare iPhone sul mercato cinese. Gene Munster, l’ormai famoso analista di Piper Jaffray ed esperto Apple, ha dichiarato come i primi dati sugli iPhone cinesi si rivelano deludenti.Apple ha attualmente venduto 5000 iPhone sul suolo cinese, Munster, tuttavia, si aspettava uno startup di

Apple lancia i nuovi iPhone e iPod
Gadget e Device Smartphone

Apple lancia i nuovi iPhone e iPod

Apple ha da poco aggiornato il suo store con le nuove configurazioni per i propri dispositivi portatili. La memoria di iPhone è stata portata a 16 Gb, mentre quella per iPod Touch a 32. Intanto aumentano le voci sul possibile arrivo di iPhone in Italia