DDR3: Corsair pronta al via

Durante il Computex di Taipei, che si svolgerà questa settimana, Corsair dimostrerà di essere pronta per la produzione in massa di moduli di memoria DDR3-1600.Saranno i moduli Dominator TWIN3X2048-1600C10D da 1 Gigabyte a posizionarsi nella fascia high-end delle soluzioni proposte da Corsair: si tratta di moduli aventi frequenza di funzionamento pari a 1600Mhz, ovvero la

Durante il Computex di Taipei, che si svolgerà questa settimana, Corsair dimostrerà di essere pronta per la produzione in massa di moduli di memoria DDR3-1600.

Saranno i moduli Dominator TWIN3X2048-1600C10D da 1 Gigabyte a posizionarsi nella fascia high-end delle soluzioni proposte da Corsair: si tratta di moduli aventi frequenza di funzionamento pari a 1600Mhz, ovvero la massima velocità certificata dal JEDEC per lo standard DDR3.

Purtroppo, i timings di queste memorie sono piuttosto alti rispetto a quelli delle memorie DDR2, sebbene contenuti rispetto a quelli delle soluzioni DDR3-1333:

  • TWIN3X2048-1600C10D: 10-8-8-24 (DDR3 – 1600)
  • TWIN3X2048-1333C9DHX: 9-9-9-24 (DDR3 – 1333)
  • TWIN2X2048-10000C5DF: 5-5-5-18 (DDR2 – 1250)
  • TWIN2X2048-6400C3DF: 3-4-3-9 (DDR2 – 800Mhz)

Ovviamente, per garantire stabilità operativa, i timings devono essere incrementati all’aumentare della frequenza di funzionamento.

I nuovi moduli Dominator TWIN3X2048-1600C10D saranno dotati dell’ormai famoso sistema di raffreddamento passivo DHX, che permette un’efficace dissipazione del calore anche in condizioni di overclock spinto.

Ma Corsair, che da sempre stupisce il pubblico presentando soluzioni estreme, ha intenzione di mostrare ancora una volta i muscoli: durante il Computex, verranno presentati i primi prototipi di moduli DDR3 funzionanti alla frequenza di 2Ghz.

Ricordo che, al momento attuale, gli unici chipset in grado di supportare lo standard DDR3 appartengono alla famiglia Intel Bearlake. AMD non introdurrà il supporto a questo standard finché i prezzi delle memorie DDR3 non diminuiranno considerevolmente.

Maggiori informazioni al riguardo saranno disponibili durante lo svolgimento del Computex.

Ti potrebbe interessare
Con WebM Google lancia la sfida ad H.264
Software e App

Con WebM Google lancia la sfida ad H.264

WebM è il nome che Google mette in campo per sfidare da vicino il codec H.264. La differenza sostanziale è nel fatto che l’adozione di WebM (basato su VP8 e Vorbis) è libera e gratuita. WebM è supportato fin da subito da Mozilla, Google, Opera ed altri

social network e privacy
Imaging

social network e privacy

I social network rappresentano ormai un fenomeno molto diffuso, basti pensare all’impatto straordinario che Facebook ha avuto anche nel nostro Paese. Come ci si deve però comportare per non mettere a rischio la nostra privacy, quando scriviamo riguardo alle attività che compiamo ogni giorno? Il video ci dà una dimostrazione pratica di ciò che può

Analizzare il web con iReader: ma come?
Web e Social

Analizzare il web con iReader: ma come?

Il futuro della rete e dei suoi contenuti è, a detta di molti, nel Web Semantico: tracce di questa idea sono presenti sin dagli albori di Internet. Il W3C è da tempo attivo nella definizione di questo concetto che estende il Web alla pubblicazione di metadati per la suddivisione delle informazioni; l’esplosione di linguaggi come

Logitech Easycall: Voip e tastiera in un solo acquisto
Prezzi e tariffe

Logitech Easycall: Voip e tastiera in un solo acquisto

Abbiamo bisogno di acquistare un telefono VoIP, ma contemporaneamente necessitiamo di una nuova tastiera? La logitech è riuscita a combinare queste due necessità in un unico prodotto: Il kit Easycall. Si tratta di un kit composto da tastiera e mouse wireless, un telefono vivavoce ed un set di cuffie compatibile con la maggior parte dei

Oracle acquisisce Peoplesoft. O forse no.
Business

Oracle acquisisce Peoplesoft. O forse no.

È battaglia legale tra Peoplesoft e Oracle. Quest’ultima sarebbe rea di aver disturbato la normale concorrenza con una finta offerta d’acquisto in grado di confondere il mercato ed i clienti dell’avversaria. Concorrenza sleale?