QR code per la pagina originale

Comprate con fiducia, Vista vi aspetta!

,

Vendere un nuovo sistema operativo non è facile. Soprattutto se sei Microsoft, e immetti nel mercato “rivoluzioni” anziché “evoluzioni”, sia dal punto di vista dell’hardware e driver richiesti, che dell’interfaccia utente.

Microsoft sa bene che queste ed altre motivazioni (la sicurezza, i timori di una migrazione difficoltosa…) spingono molti utenti, soprattutto corporate, ad attendere il rilascio del primo Service Pack prima di prendere in considerazione seriamente la possibilità dell’upgrade.

Ecco quindi la campagna “Proceede with confidence” che spiega quanto sia sicuro e stabile Windows Vista.

Il contenuto della campagna è:

  • Windows Vista è pronto, ora! È più affidabile, sicuro e compatibile di ogni altra versione precedente.
  • Meno vulnerabilità nei primi 90 giorni rispetto a XP
  • Già installato in 1.9 milioni di computer
  • Dei 50 programmi più venduti, 40 sono già Vista Compatibili

Il vero target del programma sono i rivenditori, tanto che il sito contenente la puntigliosa descrizione dei vantaggi di Vista richiede il login, concesso a chi accetta di non divulgarne il contenuto.

La campagna è curiosa proprio per questo: perché Microsoft ha bisogno di un documento “Fact rich” (come lo definisce) per convincere gli utenti e i rivenditori a fidarsi di Vista.

I tempi sono cambiati: quando uscivano dei service pack sotto forma di sistemi operativi (come Windows98 o Windows Me) e l’update non veniva neppure messo in discussione e oggi che le nuove release sono effettivamente passi in avanti in stabilità e feature (XP e Vista), le paranoie non mancano.

La cosa non stupisce, a fronte di grandi differenze si introducono difficoltà per utenti non smaliziati, specialmente in ambito aziendale dove non sempre le novità sono accolte con entusiasmo dagli operatori.

Ma che una campagna di informazione venga progettata e consegnata solo ai rivenditori, mi lascia un po’ perplesso: è chiaro che le vere vendite le hanno in mano loro, ma non è utile stuzzicare gli utenti finali, che compreranno nuovi PC con Vista, anziché chiedere se possono avere XP (come spesso accade, a quanto sento…)?