QR code per la pagina originale

Microsoft vs. Google: arriva Office Live!

,

Steve Ballmer, CEO di Microsoft, ha di recente annunciato i piani di Microsoft, che pare intenzionata a transitare da software house tradizionale a software house che offre anche servizi a valore aggiunto legati al web.

È un progetto che si inizierà a sviluppare dall’inizio del prossimo anno e che essenzialmente dovrebbe riguardare, almeno nella sua prima fase, il portafoglio prodotti business.

Ballmer si dice convinto che questo sia il momento giusto per lanciare sul mercato software con servizi aggiuntivi e in questa direzione si muoverà Microsoft, che affiancherà al software tradizionale anche una ricca offerta di servizi.

La strada da percorre è lunga, ricca di concorrenti che sono già molto avanti. Pensiamo solamente a Google che al momento domina incontrastata nel mondo dei servizi online, offrendo mappe, lettori RSS, un piccolo office e tanti altri servizi web-based.

Microsoft ha in mente di coinvolgere ogni settore della sua attuale produzione in questo “porting” online, pensiamo a Exchange Hosted Services che è un servizio di gestione remota della posta aziendale, che consente all’azienda di non dover ospitare e mantenere in prima persona un costoso Server Exchange.

Il progetto sicuramente più interessante, sia per il piccolo business che per l’utente consumer, è Office Live che dovrebbe essere una versione ridotta dei principali software Office accessibile online così come ora è Google Docs & Spreadsheets. L’attesa è tanta, anche perchè nel mondo globalizzato di oggi molti trovano utile poter accedere da qualsiasi PC dotato di connessione internet ai propri documenti, potendoli non solo leggere ma anche editare.

Ballmer, infine, ha sottolineato il ruolo decisivo che avrà in questo processo la tecnologia Silverlight, che donerà coerenza e facilità d’uso all’interfaccia grafica.

Personalmente trovo molto utili questi servizi online, e il “monopolio” che Google negli anni si è creata mi ha sempre un po’ preoccupato. Mi fa molto piacere, quindi, che Microsoft abbia deciso di scendere in campo: ne vedremo delle belle!