QR code per la pagina originale

Intratec Spa in liquidazione

,

Il 29/8/07 il registro delle imprese di Roma ha deliberato la variazione della ragione sociale di Intratec S.p.A, in data 30/07/2007 il consiglio di amministrazione della stessa società, aveva deliberato la messa in liquidazione della stessa e il cambio di ragione sociale.

La società assicura che non vi sarà alcuna variazione nell’erogazioni dei servizi, in quanto è volontà della società continuare a mantenere attivi servizi e attività, in attesa della decisione finale, non si sa ancora se l’ingresso di nuovi soci, la cessione delle attività o una fusione, sono in corso trattative.

Intanto anche Assoprovider, è preoccupata e in una nota diffusa il 6/9/2007 annuncia una “La strana moria dei concorrenti di Telecom Italia”

“Il numero di operatori alternativi, che anche per una gestione avventata, si ritrovano in difficoltà economiche verso Telecom Italia è, a quanto si legge sui giornali, in crescente aumento: ormai ad un ritmo serrato le aziende vengono letteralmente disattivate, pare per problemi di ordine debitorio, che erano comunque preesistenti, ed evidentemente sopportati con altro spirito. Ma i problemi sono causati anche dalle inefficienze di chi dovrebbe garantire un quadro regolamentare e tariffario chiaro: ad esempio i ritardi di Agcom nel prendere decisioni sui canoni sulle ADSL Naked hanno sicuramente aggravato tali situazioni debitorie: e la strana moria avviene, proprio mentre si discute della necessità di separare la rete dell’Incumbent dai servizi.

Questo a dimostrazione che in Italia non esiste una vera liberalizzazione del mercato, che quella che c’era arretra, e che le autorità preposte alla vigilanza, AGCOM e AGCM rimangono sovente a guardare senza colpo ferire.

Ma più complessivamente, tutta la classe dirigente del paese si dovrebbe preoccupare di questo arretramento nella liberalizzazione del settore delle Comunicazioni.

Assoprovider stima che con l’introduzione del canone naked ed il conseguente aumento del 30% del costo delle ADSL all’ingrosso, il numero di aziende TLC in difficoltà aumenterà esponenzialmente con una drastica riduzione della concorrenza sul mercato e la perdita di decine di migliaia di posti di lavoro. A quel punto, la separazione della rete a quali superstiti concorrenti gioverà?”

Sono interessanti le osservazioni proposte da Assoprovider, i piccoli operatori, senza una loro rete, sono tanti e a fatica cercano di entrare in un mercato sicuramente poco concorrenziale, o comunque, dove la presenza di grandi, lascia poco spazio ai piccoli, e dove l’accesso alla rete non è ancora poi così libero, non tanto per le regole, quanto soprattutto per i costi all’ingrosso, che invece di calare, sembra stiano crescendo.