Nuovi iMac: nuova tecnologia, nuovo design

Lo ammetto, nonostante tutto sono fanatico per il design Apple e così oggi, nella mia quotidiana esplorazione sul web alla ricerca di notizie interessanti, mi sono soffermato ancora una volta sul sito della Apple. Tra le prime notizie quella del nuovo iMac “completo e ad alte prestazioni, racchiuso in un design elegantemente sottile”: interessante, avranno

Lo ammetto, nonostante tutto sono fanatico per il design Apple e così oggi, nella mia quotidiana esplorazione sul web alla ricerca di notizie interessanti, mi sono soffermato ancora una volta sul sito della Apple. Tra le prime notizie quella del nuovo iMac “completo e ad alte prestazioni, racchiuso in un design elegantemente sottile”: interessante, avranno finalmente montato RAM DDR3 a 800Mhz, Hard Disk Perpendicular Writing, processori Quad Core e schede video GeForce serie 8?

E così butto un occhio prima sul design: ultra sottile, si pubblicizza tanto il fatto che non si vedono viti né saldature (come se sugli altri modelli si vedessero) e così, dopo aver allettato lo sguardo, passo ai fatti, controllando le nuove caratteristiche tecniche tanto fiducioso quanto curioso: che sia la volta buona che acquisto un Mac?

Beh, risultati? Non voglio annoiare nessuno ma preciso solo che sono rimasto “un po’ deluso” per le tanto decantate “alte prestazioni” che non si sono rivelate vere e proprie “grandi novità”, piuttosto la mia attenzione si è soffermata sulla sezione “Grafica avanzata” dove venivano decantate, allo stesso modo, le prestazioni delle nuove schede ATI Radeon HD 2000, che in realtà si sono notoriamente rivelate un flop.

A questo punto mi chiedo ancora una volta: che utilizzino componenti invenduti? Perchè non scegliere nVidia piuttosto? Ed ancora, alla luce anche del confronto Intel – AMD a cui sto lavorando, perchè non proporre anche offerte con processori AMD? Su quest’ultimo punto infatti non riesco a darmi una risposta, che sia una scelta in termini di prestazioni (anche se come abbiamo visto Apple riesce a “dare nuova vita” a qualsiasi componente) o ancora si tratta di accordi tra le due multinazionali? Rimetto a voi ogni conclusione mentre io puntualizzo che, ad ogni modo, il pacchetto software, unito al sistema operativo e al design la loro figura la fanno.

Ti potrebbe interessare
Steve Jobs arrogante verso una studentessa: ecco la figuraccia targata Cupertino
Apple

Steve Jobs arrogante verso una studentessa: ecco la figuraccia targata Cupertino

Una giovane studentessa di giornalismo è stata maleducatamente respinta da Steve Jobs, a seguito di un’innocente richiesta fatta via email. Protagonista dell’accaduto è Chelsea Kate Isaacs, 22enne iscritta alla Long Island University di New York, rea di aver chiesto spiegazioni sul mutismo dei PR di Cupertino.La giovane è stata incaricata dai propri docenti di scrivere

Tog: cominciamo a fare 2.0
Web e Social

Tog: cominciamo a fare 2.0

Oggi vi presentiamo un servizio che si distingue decisamente dalla “massa”, perché si propone di rovesciare le carte in tavola: facendoci diventare protagonisti (e non solo osservatori) del nostro “amato” 2.0.Con tog sarà possibile creare il proprio servizio 2.0.Ma entriamo più nello specifico, leggiamo cosa scrivono sul sito ufficiale:Tog is a non-intrusive, extensible open source

La tecnologia degli schermi LCD
Imaging

La tecnologia degli schermi LCD

Parlando quotidianamente di televisori, spesso mi rendo conto di dare per scontata la conoscenza di informazioni e dettagli che invece spesso non lo sono.Da quando sono in voga le TV a schermo piatto si sente costantemente parlare di plasma e lcd, ma cosa c’è dietro questi nomi? Quali sono le peculiarità di una o dell’altra

SCO: sì all’open source, no alla GPL
Web e Social

SCO: sì all’open source, no alla GPL

Da un’intervista di 01net a Orlando Zanni, responsabile italiano di SCO, è possibile carpire le sfumature della vicenda che ha contrapposto il mondo Unix al mondo Linux con l’IBM coinvolta in una pericolosa azione legale per violazione del copyright