L’offerta DirectX 10 di ATI si arricchisce

E dopo la notizia della HD 2950, per cui dovremo attendere ancora qualche mese, ATI aggiunge alla sua offerta DirectX 10 high level una nuova scheda, la Radeon HD 2900 PRO, che si posizionerà giusto un gradino al di sotto della Radeon HD 2900 XT, in quanto, a differenza, avrà delle frequenze di core e

E dopo la notizia della HD 2950, per cui dovremo attendere ancora qualche mese, ATI aggiunge alla sua offerta DirectX 10 high level una nuova scheda, la Radeon HD 2900 PRO, che si posizionerà giusto un gradino al di sotto della Radeon HD 2900 XT, in quanto, a differenza, avrà delle frequenze di core e memoria ridotte, 600/800Mhz, riferite nell’ordine a core e memorie.

Le HD 2900 PRO verranno distribuita in due varianti, una prima con 512MB di memoria GDDR3 e dissipatore da 9 pollici, l’altra, invece, con 1GB di memoria GDDR4 e con un dissipatore a scelta da 9 o 12 pollici, ma non si sa se quest’ultima scelta sarà in vendita in versione retail o sarà riservata ai clienti OEM. Ad ogni modo la dotazione di entrambe sarà ricca di adattatori: un primo DVI-I to VGA, un altro HDTV, DIV to HDMI ed ancora un adattatore VIVO a 9 pin nonché il cavo di interconnessione per l’utilizzo della modalità CrossFire.

Riguardo le frequenze, girano però delle voci: mentre la ATI dichiara che le frequenze sono bloccate a 600Mhz per il core e ad 800Mhz per le memorie alcuni ingegneri della PowerColor, una delle case di distribuzione delle schede, avrebbero affermato che sarebbero in grado di girare a clock ben più elevati, ma per confermare o smentire questa notizia meglio attendere qualcosa di più certo, magari delle prove.

I prezzi si aggirano tra i 250$ per la versione con 512MB di GDDR3 e 300$ per la versione con 1GB di GDDR4.

Ti potrebbe interessare
Intel vs nVidia: possibile un accordo extragiudiziale
intel nvidia

Intel vs nVidia: possibile un accordo extragiudiziale

Torniamo a parlare dello scontro legale tra Intel e nVidia, riassumendo brevemente la vicenda e aggiungendo le ultime novità.Intel vuole impedire a nVidia di realizzare chipset per processori Core i5/i7, in quanto gli accordi del 2004 non sono validi per architetture con controller di memoria integrato. nVidia ovviamente è di parere contrario e ha presentato

Sul 70% dei Mac c’è Office, parola di Microsoft
Apple

Sul 70% dei Mac c’è Office, parola di Microsoft

Interessante botta e risposta mediatico tra Apple e Microsoft: dopo la presentazione della nuovissima suite per l’ufficio iWork ’09, Redmond snocciola qualche cifra e annuncia la predominanza della propria soluzione per l’ufficio sulla piattaforma della mela.Nel solo mercato statunitense, infatti, Office:Mac risulterebbe installato sul 77% dei computer Apple. A fornire la percentuale è stata la