Nec VersaPro: fino a 14.5 ore di autonomia

Chi non si è mai trovato nella situazione in cui, proprio alla fine di un film, il computer apre quell’odiosa finestrella che avverte che tra poco il portatile si spegnerà perchè la batteria è scarica? Con il nuovissimo Nec VersaPro UltraLite VC VY10A C-4, non c’è più il rischio di vedere il computer spegnersi nel

Chi non si è mai trovato nella situazione in cui, proprio alla fine di un film, il computer apre quell’odiosa finestrella che avverte che tra poco il portatile si spegnerà perchè la batteria è scarica?

Con il nuovissimo Nec VersaPro UltraLite VC VY10A C-4, non c’è più il rischio di vedere il computer spegnersi nel bel mezzo del proprio lavoro. Infatti questo ultra portatile dispone, come assicura la compagnia nipponica, di una batteria con autonomia pari a 14,5 ore.

Tutto questo è permesso da un processore Intel Core 2 Duo Ultra Low Voltage a 1.2 GHz e da degli accorgimenti di risparmio energetico.

Un’altra importante caratteristica di questo portatile da 12″ è il peso: soli 950 grammi.

Purtroppo la memoria principale è solo 1 GB, mentre l’hard disk è di 40 GB: troppo inferiore a quello che offre al momento il mercato.

Il nuovo nato in casa Nec dispone di una FeliCa card e di un lettore di impronte digitali per la protezione dei propri dati e, per il momento, è disponibile solo per il mercato giapponese.

Ti potrebbe interessare
NVIDIA GeForce GTX 560: la Radeon HD 6870 ha un nuovo avversario
nvidia

NVIDIA GeForce GTX 560: la Radeon HD 6870 ha un nuovo avversario

Il mercato delle schede video per PC è certamente uno dei più vitali, con decine di modelli introdotti ogni anno da AMD ed NVIDIA per venire incontro alle esigenze di tutte le categorie di utenti. Oggi è la volta della GeForce GTX 560, che dovrebbe competere con la Radeon HD 6870 nella fascia dei 200

IBM alla sbarra per i tumori dei dipendenti
Web e Social

IBM alla sbarra per i tumori dei dipendenti

IBM dovrà presentarsi davanti alla corte per difendersi dalle accuse di alcuni dipendenti che, dopo aver sviluppato tumori, danno la colpa alle modalità di lavoro delle officine, a contatto con pericolosi agenti chimici. Grosse le implicazioni previste.