Il nuovo registratore DVD compatto di Sony

Anche Sony si è inserita nel mercato dei registratori DVD compatti con il modello VRD-MC5!Si tratta di un accessorio molto utile per chi desidera trasferire su DVD i propri filmati in maniera molto semplice senza utilizzare un PC e dei software particolari.È sufficiente, infatti, collegare tramite porta USB, i.Link o analogica la propria videocamera a

Anche Sony si è inserita nel mercato dei registratori DVD compatti con il modello VRD-MC5!

Si tratta di un accessorio molto utile per chi desidera trasferire su DVD i propri filmati in maniera molto semplice senza utilizzare un PC e dei software particolari.

È sufficiente, infatti, collegare tramite porta USB, i.Link o analogica la propria videocamera a questo registratore, poi premere un tasto, ed ecco che in pochi minuti tutto sarà pronto per essere visto comodamente sul lettore DVD del salotto di casa.

Questo dispositivo consente anche di creare una presentazione video con musica di sottofondo a partire da una raccolta di fotografie memorizzata su una tradizionale scheda SD.

Con i prodotti compatibili, inoltre, è possibile fare il cosiddetto dubbing incrementale cioè aggiungere ad un DVD solamente i nuovi video catturati dopo l’ultimo backup.

Molto comodo anche il display a colori da 2,5″ per scegliere le impostazioni più adeguate alle proprie esigenze e vedere un’anteprima di ciò che si sta realizzando. Non manca una semplice editor per creare il menu del proprio DVD.

Per finire occorre dire che questo masterizzatore è in grado di realizzare DVD in formato AVCHD ma non ne supporta la riproduzione per la quale è, invece, necessario un apposito lettore Blu-ray o una PS3.

Credo che sia un prodotto abbastanza comodo per chi realizza molti filmati e molte foto e non desidera perdere tempo davanti al PC o non ha proprio un PC. Qualcuno potrebbe obiettare che per il PC esistono molti programmi semplici da usare per trasferire subito un video dalla camcorder al DVD e quindi non sarebbe necessario avere questo masterizzatore… beh, nonostante io abbia un computer abbastanza nuovo e una certa dimestichezza con l’informatica, vi confesso che farei volentieri a meno di tutte quelle procedure… fare spazio sull’hard disk, trasferire il video, creare i menu, decodificare il tutto (altro spazio su disco) e infine masterizzare… risultato: salta tutto, nervi compresi. E il pulsantino “trasferisci subito su DVD”? A me non funziona, mistero dell’informatica…

Quanto costa questa comodità per la gente pigra come me? 250 dollari…

Ti potrebbe interessare
Il Wiki compie 16 anni
Web e Social

Il Wiki compie 16 anni

Sedici anni fa nasceva il concetto di Wiki. Da semplice pagina Web modificale da chiunque in ambito universitario, questo concetto ha promosso due fenomeni come Wikipedia e Wikileaks.

µTorrent 2.0: i tracker lanciano accuse di scorrettezza
Prezzi e tariffe

µTorrent 2.0: i tracker lanciano accuse di scorrettezza

Non sempre le innovazioni portano benefici nell’immediato. È quello di cui hanno fatto esperienza le comunità BitTorrent in questi ultimi mesi. Come avevamo annunciato, la versione 2.0 di µTorrent ha implementato il protocollo di trasferimento µTP. Questo garantisce prestazioni migliori e gestisce meglio il traffico, impedendo i noti problemi di congestione della rete generati dal

Pubblicità ancora in calo, ma il Web resiste
Business

Pubblicità ancora in calo, ma il Web resiste

Calano di circa 18 punti percentuali gli investimenti netti nella pubblicità nel primo trimestre del 2009. La crisi non risparmia il comparto degli annunci pubblicitari, tuttavia in un quadro fortemente negativo il Web resiste e segna un +3,5% di crescita

Due miliardi di transistor per il nuovo Itanium Tukwila
cpu intel msi

Due miliardi di transistor per il nuovo Itanium Tukwila

Come anticipato durante l’IDF tenutosi a Shanghai lo scorso mese di Aprile, Intel presenterà, all’inizio del 2009, la nuova generazione di processori appartenenti alla famiglia Itanium 2.Il processore si chiamerà Tukwila e sarà destinato ai sistemi server multiprocessore di fascia alta.Basato su un’architettura a 64 bit nativi (IA-64), Tukwila sarà la prima CPU a 4