ATI Radeon HD 3850 pronte ad essere immesse sul mercato

Le nuove schede DirectX 10.1 di ATI sono pronte ad essere immesse sul mercato dalla prossima settimana ed ecco che cominciano a giungere le prime indiscrezioni riguardo i prezzi.E proprio questa notizia ci entusiasma non poco, in quanto pare che la Radeon HD 3850 256 MB sarà commercializzata ad un prezzo che si aggirerà tra

Le nuove schede DirectX 10.1 di ATI sono pronte ad essere immesse sul mercato dalla prossima settimana ed ecco che cominciano a giungere le prime indiscrezioni riguardo i prezzi.

E proprio questa notizia ci entusiasma non poco, in quanto pare che la Radeon HD 3850 256 MB sarà commercializzata ad un prezzo che si aggirerà tra i 150 ed i 160 ? + iva, mentre la versione da 512MB costerà circa 30 ? in più.

Per quanto riguarda le attese versioni AGP, invece, come prevedibile, avranno un prezzo leggermente superiore, dovuto alla presenza del bridge PCIe2AGP, ma la spesa non supererà i 180 ? per la versione da 256MB GDDR3 ed i 200 ? per la versione con il doppio della memoria.

Purtroppo però, a causa di driver ancora incompleti, i Catalyst, la data di rilascio delle versioni AGP è ancora ignota, ma si spera possano essere disponibili entro la fine del 2007.

La HD 3870 invece, disponibile solo in versione da 512MB GDDR4, sarà venduta ad un prezzo tra i 200 ed i 210 ? + iva, mentre il prezzo della versione X2, prodotto di punta della serie, è ancora incerto, ma si ipotizza attorno ai 400?. Infatti quest’ultima disporrà di 1 GB di memoria e di due GPU, quindi sembra ovvio che costi anche il doppio di una singola scheda HD 3870.

Ti potrebbe interessare
Immagini glitterate con Pazoen
Imaging

Immagini glitterate con Pazoen

Pazoen è un portale che dà la possibilità di creare immagini glitterate per mezzo di effetti grafici e scritte. Nel video si può vedere come fare per avere un’immagine scintillante grazie all’interfaccia semplice da utilizzare e dalle numerose risorse.

Click Fraud: una piaga
Web e Social

Click Fraud: una piaga

Secondo Click Fraud network saremmo già arrivati al 15.8% di click fraud nel secondo quadrimestre del 2007, con una tendenza all’aumento decisamente preoccupante. Secondo la società americana buona parte di questo fenomeno è spinta dagli annunci pubblicati sulla rete di contenuti.I principali colpevoli di questa attività fraudolenta sono i bot, dei programmi che cliccano automaticamente