ATI HD 3870, high-level per ATI/AMD

Oltre alla HD 3850, questa settimana è stata caratterizzata dall’uscita di un’altra scheda di casa ATI/AMD, la HD 3870, che si colloca, come è facile intuire, su di un gradino più elevato rispetto alla già citata 3850.Grazie ai 512 MB di GDDR4, al processo produttivo a 55nm, al supporto HDMI e Crossfire nonché alla compatibilità

Oltre alla HD 3850, questa settimana è stata caratterizzata dall’uscita di un’altra scheda di casa ATI/AMD, la HD 3870, che si colloca, come è facile intuire, su di un gradino più elevato rispetto alla già citata 3850.

Grazie ai 512 MB di GDDR4, al processo produttivo a 55nm, al supporto HDMI e Crossfire nonché alla compatibilità con DirectX 10.1, questa scheda è attualmente il prodotto di punta della serie ATI, in attesa dell’uscita della versione X2.

Dal punto di vista estetico si presenta simile alla già vista 3850 con l’evidente differenza che, dotata di un più efficiente sistema di raffreddamento, questa 3870 occuperà due slot PCI; per il resto sarà anch’essa full red e disporrà di due uscite DVI ed una S-Video disposta al centro tra le due.

La confezione contiene, oltre a vari adattatori power e video, anche il bridge crossfire Rev C, una serie di CD tra i quali 3D Mark 06 e CyberLink PowerDVD 7 ed una copia di Steam’s “Black Box”.

Ma passiamo alla valutazione dei benchmark, per scoprire in quale posizione si colloca rispetto alle rivali nVidia.

In un sistema di riferimento è stata confrontata ad una GeForce 8800 GTS da 640 MB ma rispetto ad essa è risultata più lenta nella maggior parte dei test effettuati, con il divario che tendeva ad accorciarsi con l’aumentare della risoluzione, eccezion fatta per il gioco Need For Speed Most Wanted, dove, se alla risoluzione 1024×768 totalizzava 80fps in confronto agli 82 della 8800, alla risoluzione 1680×1050 totalizzava invece 62fps in confronto agli 80 della 8800.

La situazione si è però ribaltata con Bioshock, gioco in cui la 3870 si è rivelata notevolmente più veloce della rivale nVidia totalizzando 68fps contro i 44 della 8800, ed ancora sul benchmark 3D Mark 06 dove il punteggio raggiunto alla risoluzione 1680×1050 è stato di 9086 contro 7964.

Dobbiamo dire però, anche per questa 3870, che probabilmente i driver non sono ancora maturi, per cui ci si potrebbe attendere di meglio in futuro, anche se, comunque, ricordo anche in questo caso che la scheda a cui l’abbiamo paragonata è stata una più vecchia 8800 GTS e non la recente GT che, come già detto in più occasioni, è superiore alla GTS, avvicinandosi in prestazioni più alla GTX che ad essa.

Ti potrebbe interessare
Facebook diventa una radio
Facebook

Facebook diventa una radio

Facebook introduce Live Audio; le dirette sul web potranno, adesso, essere anche solamente audio trasformando il social network in una sorta di radio.

Da Flexio una radio FM dal concept innovativo

Da Flexio una radio FM dal concept innovativo

Oggigiorno i moduli per la ricezione delle trasmissioni radiofoniche vengono integrati in quasi tutti i lettori MP3 e nei telefoni cellulari commercializzati. Se questo potrebbe gradualmente spingere i produttori ad abbandonare la realizzazione di dispositivi pensati esclusivamente per tale scopo, la nascita di prototipi come quello messo a punto da Flexio, sembrerebbe poter fornire nuova

Songsterr: imparare a suonare la chitarra in stile 2.0
Web e Social

Songsterr: imparare a suonare la chitarra in stile 2.0

Il web 2.0, lo abbiamo detto più volte, è ricco di applicazioni curiose, strane, particolari e innovative. Tra tutte spicca sicuramente questa che presentiamo oggi: Songsterr. Si tratta di uno strumento utilissimo per tutti coloro che intendono imparare a suonare la chitarra o che hanno sempre sognato un modo economico e pratico che non fosse

Novell cresce ma chiude l’anno in passivo
Business

Novell cresce ma chiude l’anno in passivo

Con l’ultima trimestrale del 2007 il gruppo Novell chiude l’anno in perdita, nonostante la ristrutturazione e l’enorme balzo in avanti dei ricavi derivati dalla divisione open source. La crescita è ottenuta ai danni di Unix e Microsoft, non di RedHat