Dell: vendite notebook linux sotto le aspettative

Dell è stata la prima grande azienda a fornire la possibilità ai suoi clienti di scegliere quale sistema operativo installare, fornendo peraltro un’alternativa economica a Windows, Ubuntu Linux.Tale decisione venne presa in seguito ad una petizione online che ha visto la raccolta di 140.000 firme di persone che volevano poter scegliere, ma a quanto pare

Dell è stata la prima grande azienda a fornire la possibilità ai suoi clienti di scegliere quale sistema operativo installare, fornendo peraltro un’alternativa economica a Windows, Ubuntu Linux.

Tale decisione venne presa in seguito ad una petizione online che ha visto la raccolta di 140.000 firme di persone che volevano poter scegliere, ma a quanto pare negli ultimi 7 mesi ad acquistare tali notebook sono stati solo 40.000 utenti. Una cifra assai modesta se si pensa che Dell commercializza fra PC, Notebook e server un totale di circa 10 milioni di computer per trimestre.

Per bocca di David Lord, Dell fa sapere che considera la cifra sotto le aspettative, ma non ha comunque intenzione di tornare sui suoi passi, continuando a percorrere una strada intrapresa che vede come prossima tappa la certificazione di Ubuntu sulle sue soluzioni server.

Tradita dai propri stessi clienti? Secondo voi perché le vendite di notebook ubuntu powered sono così basse?

Ti potrebbe interessare
PayPal nel mirino di Anonymous?
PayPal

PayPal nel mirino di Anonymous?

Webnews ha fatto trapelare una notizia decisamente interessante quanto inquietante. Da poche ore, sull’account Twitter del gruppo di hacker Anonymous, delle cui azioni di pirateria informatica abbiamo parlato abbondantemente in questi giorni, è comparso un messaggio scritto a quattro mani con la collaborazione del gruppo di hacker Lulz Security che potrebbe essere interpretato come l’annuncio

Microsoft sfida Google Docs con Office 2010 online
Web e Social

Microsoft sfida Google Docs con Office 2010 online

Continua la sfida fra i due giganti del Web. L’ultimo capitolo di questo scontro ha portato a una versione di Office gratuita, scaricabile online già a partire dal 2010 e il cui finanziamento potrebbe dipendere in gran parte dalla pubblicità.Chris Bryant, responsabile per i prodotti Office, ha spiegato che le versioni Web degli applicativi Word,

Panoramica sul software dell’ HTC PRO 2
Imaging

Panoramica sul software dell’ HTC PRO 2

L’ HTC PRO 2 è molto probabilmente uno dei migliori smartphone basati su Windows Mobile presenti sul mercato. È appena arrivato ma già da tempo fa parlare molto di se grazie ad un hardware di primissimo livello, tra cui spicca il touchscreen resistivo da 3,6 pollici ed un’eccellente tastiera hardware integrata.Nel video potremo ammirare, in

Se la macchina sbaglia, voti per un altro
Web e Social

Se la macchina sbaglia, voti per un altro

L’approfondimento di questa settimana di Webnews è dedicato ai difetti e alle virtù del voto elettronico, un’occasione per fare il punto sulle nuove tecnologie per votare a pochi giorni dalle elezioni presidenziali negli Stati Uniti.Nel corso delle ultime settimane, infatti, si sono addensate nubi scure e minacciose su alcune tipologie di macchine per il voto

Nasce “Veloce Coop”
Google

Nasce “Veloce Coop”

CoopVoce, il gestore telefonico Mobile virtuale di Coop, raggiunge le 100.000 attivazioni e decide di festeggiare tale evento con un nuovo piano tariffario.Grazie all’accordo con Telecom Italia, CoopVoce offre il servizio di telefonia mobile virtuale a tutti i suoi soci e ai loro familiari.

Lo Storage “Olografico” diventa più veloce
hard disk

Lo Storage “Olografico” diventa più veloce

Uno dei principali motivi per cui vi è un limite alla capacità massima di storage di un supporto magnetico, ad esempio un hard disk, è il fatto che i bit di dati non possono essere posti troppo vicini uno all’altro.Questo tipo di dispositivi è soggetto a un fenomeno fisico (Superparamagnetism) che si presenta nelle situazioni

Click fraud, una piaga che non guarisce
Software e App

Click fraud, una piaga che non guarisce

Una approfondita indagine di BusinessWeek pone l’accento sui problemi mai risolti del click fraud. Il fenomeno sarebbe sempre grave ed in continua crescita, il che rischia di compromettere pesantemente il futuro del settore. I motori non fanno abbastanza