Il nanobook di Packard Bell

Packard Bell ha scelto la taglia extra small per il suo nuovo notebook, denominato appunto EasyNote XS.Questo nanobook è poco più grande di un libro, pesa solo 950 grammi ed è basato sulla piattaforma VIA C7-M Ultra Mobile.EasyNote XS utilizza il sistema operativo Windows XP Home Edition ed è equipaggiato con un hard disk da

Packard Bell ha scelto la taglia extra small per il suo nuovo notebook, denominato appunto EasyNote XS.

Questo nanobook è poco più grande di un libro, pesa solo 950 grammi ed è basato sulla piattaforma VIA C7-M Ultra Mobile.

EasyNote XS utilizza il sistema operativo Windows XP Home Edition ed è equipaggiato con un hard disk da 30 GB e fino ad 1 GB di memoria RAM.

Lateralmente al monitor da 7 pollici, è situata una piccola webcam con risoluzione VGA.

L’acronimo “XS”, scelto da Packard Bell per il suo prodotto, sottintende una pluralità di significati:

  • Xtra Smart: il Wi-Fi integrato e la webcam VGA lo rendono perfetto per le videoconferenze di lavoro, mentre il touchpad e i tasti accuratamente posizionati permettono un semplice utilizzo del notebook anche in movimento. Inoltre, il lettore di memory card 4-in-1 integrato, permette di scaricare le proprie foto preferite semplicemente;
  • Xtra Strong: la piattaforma VIA Ultra Mobility garantisce compattezza, raffreddamento e consumi ridotti, offrendo fino a oltre 3 ore di autonomia con il Wi-Fi in funzione;
  • Xtra Small: il peso è inferiore al chilo (950 grammi) e le dimensioni sono ridottissime, infatti EasyNote XS è poco più grande di un libro tascabile.
Ti potrebbe interessare
Broadband USA, prezzi e contratti in aumento
Prezzi e tariffe

Broadband USA, prezzi e contratti in aumento

In un anno la banda larga negli Stati Uniti è cresciuta di 8 punti percentuali, passando dal 55% al 63%. Il comparto delle connessioni veloci resiste ai colpi della crisi e registra a sorpresa un aumento delle sottoscrizioni dagli utenti meno abbienti

Google Suggest sotto accusa
Software e App

Google Suggest sotto accusa

Google Suggest è sotto accusa: un’azienda belga ha denunciato il motore di ricerca in quanto i suggerimenti proposti contengono materiale di cracking che spinge a piratare i prodotti ServersCheck. L’azienda chiede che i suggerimenti vengano modificati