G98 una GPU destinata all’intrattenimento multimediale

G98 è la sigla della GPU presente sulle nuove GeForce 8400 GS, una delle proposte di “basso livello” di nVidia che, come già accaduto per la 8800 GTS, è stata rinnovata. Questa scheda, che dispone di 256mb di GDDR3, ha core e memorie che girano alle frequenze di 600/1600Mhz ma non eccelle certo in prestazioni.

G98 è la sigla della GPU presente sulle nuove GeForce 8400 GS, una delle proposte di “basso livello” di nVidia che, come già accaduto per la 8800 GTS, è stata rinnovata.

Questa scheda, che dispone di 256mb di GDDR3, ha core e memorie che girano alle frequenze di 600/1600Mhz ma non eccelle certo in prestazioni.

Essa trova infatti il suo punto di forza nell’economicità, vista sia dal punto di vista del costo, sia dal punto di vista dei consumi.

Sotto questo aspetto la GeForce 8400 GS è l’ideale per gli Home theater PC (HTPC) e, nella versione proposta da Zotac, dispone anche di una interessante funzione che potrà tornare utile a quanti stiano progettando di assemblare un sistema di questo tipo: il pannello posteriore intercambiabile.

Infatti, è possibile rimuovere il pannello su cui sono presenti le uscite, in modo da istallare quelle di cui avrete bisogno, senza quindi dover ricorrere ad alcun adattatore. Le porte disponibili per il cambio, infatti, sono di tutti i tipi: DVI, VGA, S-Video ed è presente anche un connettore HDMI che quindi, all’occorrenza, potrà sostituire il connettore DVI o un altro di quelli presenti di default.

Ti potrebbe interessare
Autonomia fino a 8 ore per il P600 di MSI
intel msi

Autonomia fino a 8 ore per il P600 di MSI

MSI ha presentato ufficialmente la nuova serie di portatili di fascia professionale, introducendo due nuovi modelli dedicati all’utenza aziendale. Il P600 è un notebook da 15,6 pollici (risoluzione pari a 1366×768 pixel) con un ampia tastiera chiclet e un tastierino numerico separato. La batteria a 8 celle garantisce un’autonomia fino a 8 ore.

Abuso di tecnologia, basterà la buona educazione?
Google

Abuso di tecnologia, basterà la buona educazione?

Cellulari, palmari e smartphone iniziano a diventare oggetti indesiderati. Dai tanti casi di video girati violando ogni norma sulla privacy, agli incidenti causati da guidatori distratti dall’uso del telefono, fino al fastidio provocato da chi li usa in luoghi pubblici parlando ad alta voce. Oltre agli adulti, dai quali sarebbe lecito aspettarsi comportamenti responsabili, sembrano