Crollo nei profitti di Motorola

Motorola ha dichiarato appena mercoledì scorso che i suoi profitti sono ‘calati’ (ma parlare di crollo sarebbe più giusto!) dell’84% durante l’ultimo trimestre del 2007, avvertendo la comunità finanziaria che il recupero della prevista performance costerà probabilmente più tempo e risorse del previsto. Consequenziale alla delusione dei risultati trimestrali è stato il decremento del titolo

Motorola ha dichiarato appena mercoledì scorso che i suoi profitti sono ‘calati’ (ma parlare di crollo sarebbe più giusto!) dell’84% durante l’ultimo trimestre del 2007, avvertendo la comunità finanziaria che il recupero della prevista performance costerà probabilmente più tempo e risorse del previsto.

Consequenziale alla delusione dei risultati trimestrali è stato il decremento del titolo Motorola alla Borsa statunitense.

Gli ultimi profitti annuali conseguiti da Motorola ammontano a circa 100 milioni di dollari, ovvero il 4% per azione, contro i 623 milioni di dollari di un anno fa (il 25% ad azione). I ricavi di vendita sono invece calati da 11,75 miliardi di dollari a 9,65 miliardi di dollari.

Gli analisti sono comunque moderatamente ottimisti circa una ripresa dei profitti già nel primo trimestre dell’anno in corso.

Ti potrebbe interessare
Ecco le liste di Twitter, sempre più l’anti-Facebook
Web e Social

Ecco le liste di Twitter, sempre più l’anti-Facebook

Erano in sperimentazione da qualche giorno per utenti selezionati, ora sono accessibili a tutti. Parliamo dell’ultima novità introdotta dal noto sito di microblogging Twitter, le liste dei propri contatti. Con le liste sarà possibile suddividere il flusso principale di aggiornamenti, lo stream, in tanti torrentelli minori, con il vantaggio di non intasare l’homepage, a causa

Google, quando la privacy è questione di link
Business

Google, quando la privacy è questione di link

Google, a differenza degli altri motori concorrenti, non riporta in homepage un link al documento di policy per la tutela della privacy degli utenti. Una legge californiana, però, impone tale formalità ed ora Google dovrà in qualche modo prenderne atto

Le aziende sono timide
Web e Social

Le aziende sono timide

Passatemi il termine “timide”: non è molto tecnico ma rende l’idea. “Le aziende sono timide” quando si tratta di comunicare sul Web, in particolare sul versante 2.0: ci sono un numero elevato di strumenti, ambienti, situazioni da utilizzare ma i soggetti business vanno avanti con il freno a mano tirato. Le occasioni che buttano via