Baidu avvia motore di ricerca giapponese

Qualche giorno fa, il motore di ricerca cinese Baidu.com (il più importante nel Paese asiatico) ha lanciato un sito in lingua giapponese. Ci permettiamo di far notare che la notizia è di grande interesse, ben più di quanto potrebbe sembrare in apparenza: dimostra, ancora una volta, quanto Baidu.com presti attenzione ai mercati esteri e quanto

Qualche giorno fa, il motore di ricerca cinese Baidu.com (il più importante nel Paese asiatico) ha lanciato un sito in lingua giapponese.

Ci permettiamo di far notare che la notizia è di grande interesse, ben più di quanto potrebbe sembrare in apparenza: dimostra, ancora una volta, quanto Baidu.com presti attenzione ai mercati esteri e quanto la compagnia sia attratta da panorami tecnologicamente più consolidati di quello interno.

Ed è proprio per questo secondo motivo che ci si interroga sulla sorte della nuova missione Baidu in terra giapponese: al contrario della madre patria (dove Baidu, ricordiamo, occupa una posizione invidiabile), il Giappone è una nazione dove Internet vive una fase del proprio ciclo di vita di maggiore maturità, e dove la concorrenza è notevolmente maggiore.

Baidu potrebbe perciò far tesoro dell’esperienza giapponese in vista di un prossimo inasprimento della competizione anche in Cina, o magari decidere di estendere la propria presenza anche in Occidente, contrastando Google…

Ti potrebbe interessare
La Corte di Giustizia Europea vieta i filtri antipirateria
Prezzi e tariffe

La Corte di Giustizia Europea vieta i filtri antipirateria

Filtrare il file sharing? Non si può fare. Questa in breve, la sintesi di quanto oggi sentenziato dalla “Corte di Giustizia Europea” in merito alla causa tra il provider belga Scarlet Extended SA e una società degli autori sempre del Belgio. Per la corte, fermo restando la tutela del diritto di proprietà intellettuale che viene

Un’ora di caos e di ricerche
Web e Social

Un’ora di caos e di ricerche

Inutile stigmatizzare il gesto, inqualificabile. Inutile ripetere, però, come non sia questo il blog per le discussioni politiche. Quel che si vuole segnalare, piuttosto, è come a meno di un’ora dall’aggressione a Silvio Berlusconi già su Facebook siano presenti circa una decina di gruppi che inneggiano all’aggressore, con centinaia di fans a dar voce ai