Alcatel, quando un disastro può essere meglio delle attese

Alcatel-Lucent è una compagnia franco-statunitense dedita alla produzione di hardware e software per le telecomunicazioni. Il titolo, nei giorni passati, è sembrato sulle montagne russe, con sali e scendi improvvisi.Dati alla mano la quarta trimestrale è stata un vero disastro. Il gruppo ha annunciato a tutto il 2007 perdite per 443 milioni di euro e

Alcatel-Lucent è una compagnia franco-statunitense dedita alla produzione di hardware e software per le telecomunicazioni. Il titolo, nei giorni passati, è sembrato sulle montagne russe, con sali e scendi improvvisi.

Dati alla mano la quarta trimestrale è stata un vero disastro. Il gruppo ha annunciato a tutto il 2007 perdite per 443 milioni di euro e ricavi a 17,8 miliardi di euro. I dati non sono per niente buoni, ma sono migliori delle stime fatte dagli analisti; quest’ultimi prevedevano un rosso di 789 milioni di euro e ricavi a 17,5 miliardi di euro.

I dati sono meno disastrosi del previsto ma il quadro generale resta a tinte fosche: l’AD del gruppo Patricia Russo ha dichiarato oggi di essere preoccupata “per l’incerto andamento macroeconomico”. Secondo la manager il primo trimestre di quest’anno si chiuderà con un fatturato in calo del 20/25%.

Per porre rimedio alla grave situazione, la società ha già in atto un piano di ristrutturazione che, a regime, permetterà di risparmiare 1,7 miliardi di euro, 600 solo nel 2008, ma purtroppo circa il 55% del risparmio sarà dovuto a tagli di posti di lavoro.

Non tutti però pensano negativo, la banca d’affari americana Citigroup conferma il giudizio “buy” sul titolo con un prezzo obiettivo di 8 euro. Per il broker americano sono 3 i fattori che aiuteranno Alcatel-Lucent nel futuro: le sinergie derivanti dalla fusione, l’aumento della domanda di fibra ottica e la certezza del portafoglio clienti.

Ti potrebbe interessare
Mediaworld, i MegaSconti non finiscono mai
Prezzi e tariffe

Mediaworld, i MegaSconti non finiscono mai

Per Mediaworld è ancora tempo di saldi e promozioni e quindi dal 19 gennaio sino al 1 febbraio partirà una nuova tornata di offerte interessantissime con alcuni sconti davvero allettanti. Il nuovo volantino in cui sono specificate tutte le offerte è già online e disponibile alla consultazione sul sito ufficiale di Mediaworld. Vediamo di sottolineare

Microsoft detta le regole del Marketplace
Software e App

Microsoft detta le regole del Marketplace

Microsoft ha stilato le regole per il proprio marketplace. Gli sviluppatori spenderanno 99 dollari per la registrazione, 99 dollari per ogni applicazione proposta e tratterranno il 70% dei proventi derivanti. La sfida all’App Store è lanciata

The Pawn, l’avventura a 16-bit dei Magnetic Scrolls

The Pawn, l’avventura a 16-bit dei Magnetic Scrolls

Durante la prima metà degli anni ’80 le avventure testuali erano un genere molto in voga ma erano pochissimi gli sviluppatori a contendersi il mercato.La scena anglosassone era dominata dalla Level9 mentre, fino all’acquisto da parte di Activision nel 1984, i titoli Infocom erano una rarità in Europa ed erano molto costosi, disponibili solo d’importazione