[Guida] ATI 3850 AGP: Catalyst 8.2 e Windows Vista

Le ATI HD 3850 AGP hanno sicuramente riportato in vita tanti vecchi sistemi con processori Pentium 4 ancora non pronti ad un pensionamento così rapido. Quanti però hanno acquistato la scheda per l’utilizzo di Windows Vista? Bene, o meglio “male!”, perché costoro potrebbero aver ricevuto una sgradevole sorpresa quando, all’installazione della scheda, è stata riconosciuta

Le ATI HD 3850 AGP hanno sicuramente riportato in vita tanti vecchi sistemi con processori Pentium 4 ancora non pronti ad un pensionamento così rapido. Quanti però hanno acquistato la scheda per l’utilizzo di Windows Vista?

Bene, o meglio “male!”, perché costoro potrebbero aver ricevuto una sgradevole sorpresa quando, all’installazione della scheda, è stata riconosciuta semplicemente come “Standard VGA adapter”: sembra infatti che, sebbene i nuovi driver Catalyst 8.2 supportino l’AGP sul nuovo sistema operativo di casa Microsoft, al contrario diano problemi di riconoscimento dell’ID della scheda.

Come risolvere il problema, che a questo punto non è grave quanto sembra? La risposta di ATI è stata di attendere che i partner forniscano gli ID corretti per le schede e che, in seguito a ciò, vengano rilasciati dei nuovi Catalyst che comprendano i nuovi ID tra le schede supportate.

Troppo tempo, esiste quindi un modo per “saltare” l’attesa e far girare correttamente la scheda su Windows Vista già con i Catalyst 8.2? La risposta è si, ed i modi sono due.

Se non siete interessati, almeno per ora, all’utilizzo del Control Center di Catalyst, potrete forzare l’utilizzo dei driver per HD 3850 standard e la scheda funzionerà correttamente.

Esiste però anche un modo per modificare i driver in modo che la scheda venga poi riconosciuta automaticamente, in modo da non precludervi nemmeno l’utilizzo del Control Center e la possibilità, quindi, di overcloccare la nuova scheda.

Per fare ciò, come prima cosa scaricate i driver ed avviate l’installazione. Una volta decompressi i file ed avviata l’installazione vera e propria, interrompete il procedimento automatico, quindi editate il file CL_59347.inf presente nella cartella DriverPackagesDriversDisplayLH_INF.

Alla riga 75 avrete:

“ATI Radeon HD 3850” = ati2mtag_RV630, PCIVEN_1002&DEV_9505&SUBSYS_25421002

Ciò che dovrete a questo punto fare, è modificare DEV_9505 (l’id standard di HD 3850 PCIe) nel DEV ID della vostra scheda, identificabile tramite appositi programmi quale GPU-Z. Se ad esempio l’ID della vostra scheda è 9515, modificate la stringa di cui sopra in:

“ATI Radeon HD 3850” = ati2mtag_RV630, PCIVEN_1002&DEV_9515&SUBSYS_25421002

A questo punto salvate il file, chiudete l’editor, lanciate il setup e tutto dovrebbe essere riconosciuto automaticamente.

I Video di Webnews

Google Pixel: Android, smartphone top di gamma

Ti potrebbe interessare
Pentium, quando il nome conta
Web e Social

Pentium, quando il nome conta

Sin dai suoi albori, l’informatica ha avuto una sua peculiarità. Nomi, sigle e quant’altro, tutto è una serie quasi indecifrabile di caratteri alfanumerici in sequenza. Se questo per gli addetti ai lavori è una prassi normale, e ancora oggi utilizzata, per la gran parte delle persone, ricordare queste sigle potrebbe portare confusione. Difatti, fino a

Nuova offerta della Tim: Tutto Compreso
Google

Nuova offerta della Tim: Tutto Compreso

TIM ha lanciato, giorni fa, l’offerta “Tutto Compreso”, in sostituzione delle ex Tim Relax. Oltre a particolari offerte tariffarie i clienti possono scegliere se acquistare o meno un telefonino da pagare con piccole rate mensili incluse nel canone mensile. Vediamo nel dettaglio le singole offerte Tim Tutto Compreso: